Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:39 METEO:FIRENZE16°25°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
giovedì 06 ottobre 2022

— il Blog di

Alzheimer, curcuma e Generali

di - mercoledì 30 marzo 2022 ore 08:00

La malattia di Alzheimer è una grave forma di demenza senile. Attualmente non esistono cure risolutive. Da recenti studi si è visto che colpisce in numero maggiore il sesso femminile, e si può manifestare in un’età compresa fra i 40 e i 70 anni, mentre l’aspettativa di vita è ovviamente ridotta. 

Qualcosa invece possiamo dire sulla eventuale profilassi di soggetti che, per motivi genetici, potrebbero incorrere in questa patologia. 

Piante medicali accreditate per migliorare il circolo cerebrale sono la curcuma e il ginkgo biloba. Poi ovviamente bisogna eliminare il cibo spazzatura che, ahimè, inizia già in età infantile a fare danni; mercenarie merendine, bibite stracariche di fastidiosi zuccheri, cibi con metalli pesanti, stress, fumo, superalcolici, sono senz'altro compartecipanti di questa malattia. 

E a tutto questo aggiungerei l'inquinamento atmosferico; siamo immersi nelle polveri sottili derivanti soprattutto dal traffico urbano, molecole di amianto, piombo, si insinuano nei nostri polmoni abbattendo le difese immunitarie.

E, ora, una curiosità.

Cosa c'entra il generale Eisenhower con l'Alzheimer? Assolutamente nulla, se non fosse per uno sfogo di Pasqual Maragall, ex sindaco di Barcellona colpito nel 2007 da questa temibile patologia cerebrale; egli si accorse quell'anno di avere i primi sintomi di demenza senile, scrisse allora una lettera ai suoi concittadini per ringraziarli del loro affetto, asserendo che, dopo tutto, avrebbe sopportato bene questa sciagura visto il sostegno di cui era circondato. 

Questa amara patologia aveva colpito già tanti suoi coetanei, i quali talvolta storpiavano addirittura il nome Alzheimer con Eisenhower; cosa non giusta, asserì il sindaco, ma sapeva un po’ di vendetta contro il generale americano, dato che proprio lui nel 1955 aveva fatto entrare il sanguinario generalissimo Franco nell'Onu. 

L'ex sindaco, uomo umile e gentile, aveva ben capito che l'affetto di familiari e amici avrebbe rallentato la malattia. Niente, infatti, è più potente del calore umano, verso una patologia che fa sempre più vittime; stress, fumo, superalcolici, smog e, forse, una caratteristica genetica sono invece senz'altro compartecipanti di questa malattia. 


L'articolo di ieri più letto
La giovane soccorsa dal personale sanitario del 118 è stata trasferita con l'elicottero Pegaso all'ospedale delle Scotte di Siena, in codice rosso
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità