Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:20 METEO:FIRENZE16°26°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
venerdì 07 ottobre 2022

— il Blog di

Frati iperattivi e piante calmanti

di - mercoledì 09 marzo 2022 ore 07:30

Nel 1117 insegnava alla Sorbona di Parigi l'aitante frate Pietro Abelardo un' autentica autorità nel campo delle lettere.Il canonico di Notre Dame, Fulberto, gli affida, per lezioni private, la nipote, la giovane Eloisa appena sedicenne .Purtroppo, ahimè, fra i due scoppia la passione e la ragazzina rimane incinta; scandalo immenso; i parenti della giovane allieva sono infuriati ed, una notte, dei loro sicari penetrano nella stanza di Abelardo e lo evirano. Eloisa viene reclusa nel convento di Argenteuil, Abelardo in quello di Saint Denis; ma il loro amore, benché separati, duro' fino alla morte con un epistolario ricchissimo in delicate lettere di una dolcezza infinita.

Pare che, dopo questo triste episodio, venisse imposto ai seminaristi del tempo un uso continuo di tisane calmanti a base di Passiflora ed Agnocasto.

La passiflora (Passion flower) probabilmente l'avete in giardino e non lo sapete; viene usata come pianta ornamentale; si chiama cosi' perchè questo fiore descrive la passione di Cristo; si intravede infatti una corona e degli stimmi che assomigliano ai chiodi e alla corona di spine di nostro Signore. In agosto il piccolo frutto matura colorandosi di arancione (quindi ricchissimo di vitamina A); non lo mangia nessuno eppure e' buonissimo e soprattutto ha una cospicua azione calmante senza nessun effetto collaterale. La varietà tropicale di questo frutto ha dimensione più grandi ed e' di facile reperibilità nei supermercati. Dare una fettina di passiflora ad un anziano con un sonno difficile vuol dire non solo calmarlo ma anche dargli dei minerali importanti quali il potassio minerale cosi' utile per noi vecchietti che soffriamo di crampi notturni.

Si può associare in caso di ansia da inquietudine l'Agnocasto in infuso. Gia' il nome di questa pianta ci descrive le sue proprietà; agnello casto, pianta quindi utile a tutti i soggetti iperattivi(beati loro).

Altra erba utile nelle insonnie estive ove il caldo crea eccessiva sudorazione e quindi disagio è il tiglio; il modo migliore per usarlo è in gocce; bastano poche gocce prima del riposo notturno per favorire un buon sonno.

Ma per chi soffre di insonnia e crisi di ansia accompagnate da aritmie cardiache (extrasistoli atriali) la pianta ideale e' il biancospino che pero' va usata sotto controllo medico.


L'articolo di ieri più letto
Il conducente, 37 anni, ha riportato un brutto trauma cranico ed è stato soccorso in codice rosso per poi essere trasportato d'urgenza in ospedale
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Attualità