Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 08:52 METEO:FIRENZE21°35°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
sabato 24 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Tokyo 2020, la grande festa azzurra alla cerimonia di apertura: il video di Aldo Montano

Attualità martedì 31 maggio 2016 ore 11:00

Il coleottero ghiotto di fichi garfagnini

La grave emergenza della coltura del fico in Garfagnana sarebbe dovuta al proliferare di un insetto asiatico che ha attecchito in città



PISTOIA — Aclees cribratus Gyllenhal. Ha un nome poco "amichevole" e difficile da ricordare il nemico numero uno della pianta di fico.

Sarebbe questo "coleottero curculonide" che ha attecchito più di dieci anni fa nel territorio pistoiese, il responsabile della grave emergenza della coltura del fico, in Garfagnana, ma anche nella zona pratese di Carmignano e, addirittura, sull'isola d'Elba.

La specie di coleottero, presumibilmente di origine asiatica, sarebbe in grado di arrecare danni alle taleee ai giovani frutti in vaso di Ficus carica (ovvero il fico comune), distruggendo quindi ogni varietà: dottato, brogiotto nero, verdino, portogallo,gentile bianco, fiorone, verghese e altro.

Dopo anni di silenzio dalla segnalazione della sua presenza in territorio pistoiese undici anni fa, il coleottero curcolonide pare abbia "aumentato" il suo raggio d'azione: sarebbe infatti lui il responsabile della grave emergenza per la coltura del fico, in particolare sul territorio di Carmignano (Prato) e Garfagnana, note soprattutto per la loro produzione di fichi secchi che sono anche presidio slow food.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sarebbe stata una fuga di gas a innescare una deflagrazione seguita da un incendio in un appartamento. L'anziano rimasto ustionato rischia la vita
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Davide Cappannari

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Attualità