Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 13:17 METEO:FIRENZE13°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
venerdì 03 febbraio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Lo sfogo di Facchinetti jr dopo la rapina in villa: «Ho paura, non voglio far crescere i miei figli in questo Paese»

Attualità mercoledì 02 dicembre 2015 ore 15:08

Il Sap protesta davanti alla casa di Renzi

Il sindacato autonomo di Polizia annuncia una manifestazione a Pontassieve per chiedere al premier una risposta sui tagli alla sicurezza



PISTOIA — Ad annunciare la protesta è una nota del Sap di Pistoia che, tra l'altro, nei giorni scorsi aveva denunciato la scarsità di giubbotti antiproiettile in dotazione alle forze di polizia e la copertura radio a macchia di leopardo sul territorio pistoiese. Insieme al Sap, Sappe sindacato della polizia penitenziaria, Sapaf (Corpo Forestale) e Conapo (Vigili del Fuoco), in rappresentanza della maggioranza del personale sindacalizzato di 4 Corpi in divisa dello Stato.

"La nostra protesta pacifica di domani a Pontassieve - si legge nella nota - è un simbolo perché vogliamo che sia il Presidente del Consiglio in persona a occuparsi dei problemi dell'apparato della sicurezza. Negli anni passati siamo andati ad Arcore, domani saremo davanti alla residenza di Renzi. Noi siamo un sindacato autonomo e esprimiamo il nostro dissenso nei confronti di chiunque, senza vincoli e pregiudizi. Proprio perché siamo un sindacato autonomo, non confederale, che al proprio interno fa convivere varie sensibilità, anche politiche".

A dirlo è Andrea Carobbi Corso, segretario provinciale del Sap, che domani guiderà la delegazione di poliziotti pistoiesi alla protesta nazionale organizzata dal sindacato autonomo a Pontassieve.

"Le risorse stanziate per la sicurezza - dice Carobbi Corso - dopo 10 anni di tagli e ridimensionamenti non sono sufficienti e soprattutto ben 500 milioni del miliardo previsto vanno alla difesa, dunque alle missioni internazionali e alle possibili spese di guerra legate all'Isis. Quelle risorse devono essere assegnate alla sicurezza civile, non ai militari. E anche per quel che riguarda il bonus da 80 euro, pensiamo che si tratti di una misura non strutturale e un po' spot. Dopo 6 anni di blocco contrattuale, vogliamo un contratto, non un bonus che per altro non finirà neppure nella pensione e che soprattutto è destinato a durare un anno. Soprattutto, in ogni caso, vogliamo formazione adeguata, giubbotti antiproiettile non scaduti, mezzi idonei e tanto, tanto addestramento. Da anni operiamo senza tutto questo. Ora le sfide del terrorismo richiedono altro".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il corpo senza vita di un 53enne è stato rinvenuto in un riparo di fortuna riverso a terra. Gli inquirenti propendono per la lite finita in tragedia
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Monitor Consiglio

Cronaca