Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 23:48 METEO:FIRENZE13°23°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
venerdì 24 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Cagliari-Fiorentina, stadio in piedi per omaggio a Ranieri che si commuove

Cronaca sabato 13 aprile 2024 ore 17:30

Sedata la tentata rivolta al carcere della Dogaia

Il carcere della Dogaia di Prato

Tre sezioni detentive prese in mano da alcuni detenuti. Allarme della Cgil: "Feriti tra carcerati e poliziotti, la struttura è abbandonata a sé"



PRATO — Al carcere della Dogaia, nella giornata di ieri, venerdì 12 Aprile, è andato in scena un tentativo di rivolta, con alcuni detenuti che hanno preso il controllo temporaneo di tre sezioni detentive. La situazione, poi, come riportato dalla Funzione pubblica Cgil, è rientrata grazie all'intervento della Polizia penitenziaria in tenuta antisommossa, coadiuvata anche dall'esterno da Polizia e Carabinieri.

"Il bilancio, per fortuna, è stato limitato: 3 feriti, due trasportati al Pronto soccorso e un trasferimento immediato a un altro istituto - hanno spiegato Donato Nolè e Giulio Riccio, coordinatore e vice coordinatore regionale Fp Cgil Polizia Penitenziaria - inoltre, è stato ferito anche un poliziotto della Penitenziaria, con una settimana di prognosi. Quanto accaduto è un ulteriore livello raggiunto dall’abbandono in cui versa il penitenziario".

"Dopo aver concentrato i soggetti di ogni circuito e posizione giuridica di difficile gestione allontanati per motivi di ordine e sicurezza da altre sedi e dopo aver depauperato quello che fino a pochi anni fa era ritenuto un modello dove tutti volevano lavorare, il carcere di Prato è in stato di abbandono - hanno aggiunto - attualmente ospita circa 280 stranieri, che sono quasi la metà della popolazione detenuta. Il numero dei ristretti presenti è poco sotto la soglia della capienza ufficiale, ma è il personale di Polizia penitenziaria che è sotto organico del 25% rispetto a quello previsto".

Sulla carenza degli agenti ha insistito anche Mirko Manna, coordinatore nazionale del sindacato. "Anche i migliori propositi sanciti dalla nostra Costituzione non servono a nulla senza un adeguato numero di personale con adeguata preparazione - ha concluso - con queste lacune, è impossibile sia garantire una condizione detentiva dignitosa, ma soprattutto è diventato impossibile anche lavorare in sicurezza. Nessun altro dipendente pubblico, nemmeno gli appartenenti alle altre forze di Polizia, subisce lo stress di questo continuo stato emotivo".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno