Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:35 METEO:FIRENZE18°25°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
domenica 23 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
La gaffe di Sangiuliano: «Colombo si basò sulle teorie di Galileo Galilei» (ma non era nato)
La gaffe di Sangiuliano: «Colombo si basò sulle teorie di Galileo Galilei» (ma non era nato)

Cronaca mercoledì 10 maggio 2023 ore 21:05

Omicidio a Prato, fermato il coinquilino della vittima

squadra mobile polizia

L'uomo era scomparso da alcuni giorni. Il suo corpo è stato rinvenuto in uno stabile abbandonato. L'ipotesi è quella di una lite degenerata



PRATO — Il 21 Aprile la denuncia di scomparsa da parte della ex moglie, ieri 9 Maggio il ritrovamento del cadavere spogliato e parzialmente bruciato in uno stabile abbandonato, oggi il fermo di indiziato di delitto per omicidio di un 50enne di origini straniere irregolare sul territorio nazionale e con precedenti. L'ipotesi è che il delitto sia maturato nell'ambito di una lite fra coinquilini, poi degenerata.

A eseguire il decreto di fermo è stata oggi la squadra mobile di Prato. Le indagini erano state avviate immediatamente dopo la denuncia di scomparsa, e via via erano stati raccolti numerosi indizi a carico del 50enne con precedenti per stupefacenti, sequestro di persona e violenza sessuale aggravata, lesioni, percosse, danneggiamento, nonché violazione della normativa in materia di immigrazione.

L'uomo, senza fissa dimora, negli ultimi tempi era andato ad abitare con la vittima e secondo gli investigatori è lì che sarebbe avvenuto l'omicidio. Il cadavere sarebbe poi stato portato lì dove ieri è stato trovato, nello stabile poco lontano dalla casa della vittima.

Proprio il rinvenimento del corpo ha impresso una svolta. La squadra mobile ha trovato il corpo nudo, ormai in avanzato stato di decomposizione e parzialmente bruciato, segno di un tentativo di combustione non andato a buon fine tanto che erano ancora evidenti le ferite lacero contuse e i tatuaggi. Gli investigatori hanno ritenuto che il corpo fosse "con ogni probabilità quello dello scomparso", si legge nella nota della questura pratese.

Il fermato è stato portato in carcere, si trova nel penitenziario pratese della Dogaia.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno