Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 10° 
Domani -1°6° 
Un anno fa? Clicca qui
martedì 10 dicembre 2019

Attualità venerdì 10 ottobre 2014 ore 18:25

Primo caso sospetto di ebola ma è un falso allarme

L'uomo è arrivato con febbre altissima al pronto soccorso dell'ospedale San Donato ma poi è risultato affetto da un'altra malattia tropicale



AREZZO — Il paziente era appena tornato in Italia da un paese africano. Pochi giorni dopo il rientro è stato assalito da una febbre altissima e ha chiesto aiuto al pronto soccorso dell'ospedale aretinoIl protocollo Ebola è immediatamente scattato: medici e infermiere  hanno trattato l'ammalato seguendo le procedure previste per questo tipo di emergenza e indossando le tute ermetiche protettive che sono state fornite a tutti nosocomi italiani.

Una volta effettuati accertamenti e analisi, i sanitari hanno diagnosticato una patologia tropicale diversa dall'ebola ma il caso è stato utile per mettere alla prova il protocollo, come peraltro è avvenuto piu' volte nelle scorse settimane anche negli altri ospedali toscani.

Fino a ieri al pronto soccorso del San Donato non erano mai arrivati casi fortemente sospetti di ebola. 

Nei paesi africani dove si è sviluppata l'epidemia i morti sono piu' di quattromila e tutti i Paesi del mondo hanno alzato il livello di guardia nel tentativo di impedire l’ingresso di persone infette e quindi in grado di diffondere la malattia. 

Stati Uniti e Spagna hanno registrato le prime vittime, mentre altre persone, provenienti dall’Africa (in genere medici, missionari e personale delle Ong che assistono le popolazioni colpite dall’epidemia) sono in cura in centro specializzati.



Tag

Evasione fiscale, Mattarella agli studenti: «Fenomeno indecente»

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Attualità