Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 10° 
Domani -1°6° 
Un anno fa? Clicca qui
martedì 10 dicembre 2019

Lavoro mercoledì 09 dicembre 2015 ore 13:30

Rifiuti, addetti di nuovo in sciopero a Livorno

Ha preso il via la nuova mobilitazione di due giorni dei dipendenti dell'Aamps indetta da Cgil e Fiadei. Manifestazione davanti al municipio



LIVORNO — Al centro della protesta c'è sempre la decisione dell'amministrazione comunale, proprietaria del 100 per cento delle quote dell'azienda dei rifiuti, di avviare la procedure per il concordato preventivo a fronte di un buco di bilancio di 42 milioni di euro. 

Subito dopo l'avvio dello sciopero di oggi, una settantina di lavoratori ha organizzato un sit-in davanti al Comune per poi sfilare nelle strade del centro gridando slogan e distribuendo volantini. Un altro presidio è in programma per domani alle 17.

Durante lo sciopero l'azienda garantirà solo i servizi minimi essenziali come la raccolta della spazzatura nei mercati, negli ospedali, nelle scuole e nelle caserme.

"Non servono 42 milioni di euro per salvare l'Aamps - ha dichiarato il segretario dalla Funzione pubblica di Livorno Giovanni Golino - Per mettere in sicurezza i conti dell'azienda ne basterebbero tre che potrebbero ridursi o essere rateizzati se l'azienda decidesse di ristrutturare il debito piuttosto che andare al concordato. Resta incomprensibile il perchè l'amministrazione comunale non voglia trovare questi tre milioni di euro per salvare 500 posti di lavoro quando il concordato potrebbe costarne due solo per le consulenze affidate a pochi professionisti".

Il sindaco del M5S Filippo Nogarin intende presentare la proposta di concordato al consiglio di amministrazione e all'assemblea dei soci Aamps sabato prossimo.



Tag

Evasione fiscale, Mattarella agli studenti: «Fenomeno indecente»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Attualità