Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 00:15 METEO:FIRENZE10°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
mercoledì 01 dicembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
L'ultima gara di Federica Pellegrini: primo posto con standing ovation e tuffo con il presidente Malagò

Cronaca lunedì 25 ottobre 2021 ore 18:50

Ruba armi e gioielli al padre, ragazzino nei guai

L'adolescente ha svuotato la cassaforte di famiglia e poi ha ceduto il malloppo ad altri due giovani, entrambi pregiudicati



VALDARNO — Ha aperto l’armadio blindato dove il padre custodiva gioielli, denaro e anche una pistola: ha preso il tutto e poi ha consegnato il malloppo ad altri due giovani. Il ragazzino, proprio per il brutto giro che stava frequentando da qualche tempo, è stato subito sospettato dai Carabinieri di San Giovanni e, grazie ad indagini-lampo, hanno presto raccolto elementi sufficienti per incastrare il terzetto.

I Carabinieri sono partiti dalla denuncia sporta dal padre dell'adolescente, al quale negli ultimi giorni erano stati sottratti alcuni gioielli, tra cui un orologio di valore, diverse centinaia di euro in contanti, e, soprattutto, una pistola semiautomatica da una cassaforte.

Approfondendo la vicenda, i sospetti sono immediatamente caduti sul figlio minorenne dell’uomo. Messo alle strette, il ragazzino ha ammesso le proprie responsabilità, confessando di aver trafugato il materiale dall’armadio blindato del padre e di averlo ceduto al 18enne di Montevarchi, con precedenti di polizia, il quale si sarebbe poi disfatto di parte della refurtiva cedendo la pistola ad un 25enne, pregiudicato per rapina a mano armata.

Immediatamente gli uomini dell’Arma si sono messi al lavoro cercando i due ragazzi più grandi, nessuno dei quali reperibile presso la propria abitazione. Il primo ad essere individuato è stato il 18enne di Montevarchi, che aveva trovato rifugio a casa di un amico. Al polso, aveva ancora l’orologio rubato, che aveva deciso di tenere per sé. Nessuna traccia, invece, del resto della refurtiva, né del pregiudicato sospettato di aver acquistato la pistola.

Le ricerche sono andate avanti finché non hanno dato esito positivo. Il 25enne è stato rintracciato e – avendo in principio negato ogni addebito – è stato sottoposto ad una approfondita perquisizione personale e dell’abitazione: sul suo smartphone sono così stati trovati dei video dove il ragazzo veniva inquadrato mentre, nel pieno della notte, sulla pubblica via, brandiva la pistola ed esplodeva alcuni colpi verso il cielo, emulando le movenze, le gestualità e le frasi dei malviventi delle fiction. A quel punto l’interrogatorio si è fatto più serrato, e il giovane, messo alle strette, ha indicato il luogo ove aveva occultato la pistola, sepolta in un giardino pubblico a poche decine di metri dalla sua abitazione.

Il 25enne è stato quindi condotto in caserma per gli accertamenti di rito. Qui, di fronte all’evidente quadro indiziario, è stato dichiarato in stato di arresto per ricettazione. I suoi complici invece sono stati deferito in stato di libertà, per furto aggravato e per ricettazione.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Dopo il boato è scoppiato un incendio che ha generato una gigantesca colonna di fumo nero. Grande paura ma nessun ferito
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Lavoro