Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 13:30 METEO:FIRENZE13°26°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
sabato 18 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Una lince rossa si intrufola nel giardino del resort

Sport sabato 09 settembre 2023 ore 19:40

Lorenzo Cannone "Man of the match" in Italia vs Namibia

Foto di: FEDERAZIONE ITALIANA RUGBY

Il fiorentino eletto miglior giocatore nella partita che ha aperto il percorso della Rugby World Cup 2023 degli Azzurri. Africani battuti per 52 a 8.



SAINT-ETIENNE (FRANCIA) — E’ iniziato bene il percorso dell’Italia e del fiorentino Lorenzo Cannone alla Rugby Wolrd Cup in corso da ieri in Francia.

Nella prima giornata del “Girone A” gli azzurri hanno sconfitto oggi pomeriggio a Saint-Etienne la Namibia con il punteggio di 52 ad 8 (primo tempo 17 ad 8) mentre il fiorentino Lorenzo Cannone, alla sua prima apparizione in una Coppa del Mondo, ha segnato una meta ed è stato eletto Man on The Match, miglior giocatore in campo.

Lorenzo Cannone è fratello minore di Niccolò, anche lui selezionato tra i giocatori che prendono parte alla competizione mondiale ma oggi assente per scelta tecnica del CT Kieran Crowley.

Lorenzo Cannone, classe 2001 in forza al Benetton Rugby di Treviso, ha firmato la prima delle sette mete dell’Italia, seguita nel corso della partita da quelle di Paolo Garbisi, Dino Lamb, Ange Capuozzo, Epalahme Faiva, Manuel Zuliani e Paolo Odogwu, tutte trasformate dai calci di Tommaso Allan.

La meta di Lorenzo Cannone è arrivata sugli sviluppi di una maul che si è formata all’interno dell’area dei ventidue metri namibiani.

Giacomo Nicotera ha lanciato dalla touche nelle mani di Dino Lamb, che ha organizzato una maul avanzante che ha portato Lorenzo Cannone a marcare la prima segnatura dell’incontro trovando con forza un pertugio tra i muscoli contratti degli avversari africani.

Subito dopo Tommaso Allan ha trasformato centrando i pali, portando l’Italia in vantaggio 10 a 3.

Prima e dopo la realizzazione della meta il più giovane dei Cannone è stato autore di una prova concreta e molto efficace, soprattutto in difesa, riuscendo ad evitare anche una meta della Namibia che sembrava oramai certa.

L’Italia doveva vincere a tutti i costi e lo ha fatto ma non è stata una squadra perfetta.

Nel corso del primo tempo gli Azzurri di Kieran Crowley sono apparsi più volte appannati ed imprecisi, assai frenetici in attacco, perdendo palloni che avversari più forti della Namibia saprebbero certamente sfruttare in maniera micidiale.

“Ci sono state alcune aree del gioco dove non siamo stati brillanti, abbiamo perso troppi palloni, ma i nostri lanci di gioco sono andati complessivamente bene. La mischia ha avuto una buona giornata e siamo stati efficaci in rimessa laterale, ma nel primo tempo la Namibia è riuscita a farci disunire con una buona pressione della linea difensiva”.

Nel secondo tempo per gli Azzurri è andata meglio, sia in attacco che in difesa.

L’Italia ha dilagato ed i ragazzi scesi in campo dalla panchina sono stati all’altezza.

Il numero di mete segnate ha consentito all’Italia di ottenere il “bonus offensivo” che permette stasera agli Azzurri di conquistare momentaneamente la testa nel “Girone A” dove oltre all’Italia ed alla Namibia sono inseriti i padroni di casa della Francia, gli All Blacks della Nuova Zelanda e l’Uruguay.

Ieri sera nella partita inaugurale del torneo mondiale la Francia ha battuto gli All Blacks per 27 a 13, scatenando l’entusiasmo dei tifosi e degli addetti ai lavori transalpini, che già pregustano il primo posto del girone.

Il regolamento prevede che le prime due classificate giocheranno i quarti di finale mentre la terza parteciperà di diritto alla prossima Coppa del Mondo, in programma tra quattro anni in Australia.

Gli Azzurri puntano almeno terzo posto e per ottenerlo torneranno in campo mercoledì 20 settembre a Nizza per affrontare l’Uruguay.

Nello staff Azzurro qualcuno sogna la qualificazione ai quarti di finale, traguardo però obiettivamente difficile, soprattutto se la squadra continuerà ad esprimere un gioco come quello visto oggi a tratti.

Michele Lamaro, Capitano e flanker degli Azzurri è uno di quelli che ci crede: “Nel primo tempo la Namibia ha difeso bene, ma abbiamo comunque trovato buone soluzioni che abbiamo messo in campo dopo l’intervallo. Dovevamo stancarli e ci siamo riusciti. Eravamo pronti al 100% per la gara di oggi ma ci sono aree dove possiamo migliorare, era la prima gara del Mondiale e il fattore emozionale ha avuto il suo peso, è normale in un evento come la Rugby World Cup. Sapevamo comunque di essere più performanti di loro da un punto di vista fisico e nel secondo tempo siamo riusciti a trovare maggiori spazi per esprimere il nostro gioco. Se possiamo giocarci la qualificazione ai quarti di finale con Nuova Zelanda e Francia? Sì, possiamo, senza dubbio.”

“Avrei firmato per segnare 52 punti alla vigilia, ma abbiamo anche sprecato molto perdendo ben ventidue palloni.” Ha continuato Kieran Crowley in conferenza stampa nel dopo partita “Ora analizzeremo la partita e ripartiremo per preparare l’Uruguay, affronteremo la gara esattamente allo stesso modo. I sudamericani sono una squadra piuttosto fisica e organizzata e sarà una bella sfida, ma per ora godiamocela, è una vittoria ai Mondiali e va festeggiata”.

Chissà cosa ha in testa il commissario tecnico Azzurro e chissà se il 20 settembre con l’Uruguay anche Niccolò Cannone e Lorenzo Pani, gli due altri ragazzi toscani che fanno parte della selezione italiana, potranno esordire nella Coppa del Mondo scendendo sul prato dello Stadio di Nizza.

A’ bientôt

Italia: 15 Tommaso Allan, 14 Ange Capuozzo, 13 Juan Ignacio Brex, 12 Luca Morisi, 11 Monty Ioane, 10 Paolo Garbisi, 9 Stephen Varney, 8 Lorenzo Cannone, 7 Michele Lamaro (c), 6 Sebastian Negri, 5 Federico Ruzza, 4 Dino Lamb, 3 Simone Ferrari, 2 Giacomo Nicotera, 1 Danilo Fischetti
A disposizione: 16 Epalahame Faiva, 17 Ivan Nemer, 18 Marco Riccioni, 19 David Sisi, 20 Manuel Zuliani, 21 Martin Page-Relo, 22 Paolo Odogwu, 23 Pierre Bruno

Marcatori ItaliaMete: Cannone (12′), Garbisi (16′), Lamb (47′), Capuozo (56′), Faiva (75′), Zuliani (79′), Odogwu (84′)
Trasformazioni: Allan (13′, 17′, 48′, 57′, 76′, 81′, 85′)
Calci di punizione: Allan (9′)

Namibia: 15 Divan Rossouw, 14 Gerswin Mouton, 13 Johan Deysel (c), 12 Danco Burger, 11 JC Greyling, 10 Tiaan Swanepoel, 9 Damian Stevens, 8 Richard Hardwick, 7 Johan Retief, 6 Wian Conradie, 5 Tjiuee Uanivi, 4 Adriaan Ludick, 3 Johan Coetzee, 2 Torsten van Jaarsveld, 1 Desiderius Sethie
A disposizione: 16 Louis van der Westhuizen, 17 Jason Benade, 18 Casper Viviers, 19 Tiaan De Klerk, 20 Prince Gaoseb, 21 Jacques Theron, 22 Andre van der Bergh, 23 Le Roux Malan

Marcatori NamibiaMete: Mouton (22′)
Calci di punizione: Swanepoel (5′)

Marco Burchi
© Riproduzione riservata


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno