Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 12°24° 
Domani 15°19° 
Un anno fa? Clicca qui
sabato 21 settembre 2019

Politica domenica 05 maggio 2019 ore 10:40

"Non ascolto gli insulti degli alleati"

Lo ha dichiarato il leader della Lega e ministro degli interni Salvini, a Firenze per sostenere il candidato sindaco del centrodestra Bocci



FIRENZE — Il maltempo che ha investito la Toscana ha costretto gli organizzatori a spostare da piazza don Pietro Puliti alla sede di una società sportiva del Galluzzo il comizio domenicale del leader della Lega e ministro degli interni Matteo Salvini, a Firenze per sostenere il candidato sindaco del centrodestra Ubaldo Bocci.

Accolto da alcune decine di manifestanti che esponevano uno striscione con la scritta "Galluzzo antirazzista e antifascista", Salvini ha commentato: "Gli antifascisti in servizio permanente mi riempiono di tenerezza: quelli che cercano i fascisti e i razzisti dove non ci sono i fascisti. Ragazzi, qua non ci sono fascisti ma solo cittadini italiani".

Prima di cominciare il comizio, Salvini ha risposto a molte domande dei cronisti sulle questioni nazionali.

"Caro Conte, ridurre le tasse a famiglie e imprese è emergenza nazionale di questo paese. Tutto il resto viene dopo" ha dichiarato Salvini rivolgendosi al presidente del Consiglio Giuseppe Conte. E per quanto riguarda le eventuali dimissioni del sottosegretario Armando Siri, indagato per corruzione, Salvini ha tagliato corto: "Non abbandono mai gli uomini con i quali si è fatto un pezzo di strada insieme. E questo vale a livello locale e nazionale".

Salvini ha poi annunciato una legge per garantire il carcere a chi spaccia droga. "Per me è semplice - ha precisato Salvini - Ti becco con la droga in mano e ti metto in galera. Punto".

In merito ai contrasti con il Movimento 5 Stelle, Salvini invece ha detto: "Non ascolto gli insulti di chi dovrebbe essere mio alleato". "Io vado avanti come un treno - ha aggiunto - Sarebbe meglio se gli amici dei 5 Stelle ci aiutassero a cambiare in meglio questo paese senza offendermi ogni giorno".

Tornando ai prossimi appuntamento elettorali, dopo aver ribadito il sostegno al candidato a sindaco Ubaldo Bocci, Salvini ha dichiarato che, dopo Firenze, "dal 27 maggio dovremo pensare anche alla Toscana". 

"Rossi ha disastrato la Toscana - ha detto Salvini - dovremo trovare un altro governatore che porti aria nuova in questa regione".

Il candidato a sindaco Bocci invece ha criticato duramente l'amministrazione del sindaco uscente Nardella sulla questione della sicurezza.

"Se non viviamo la sicurezza come precondizione di qualsiasi cosa noi non cambieremo mai - ha dichiarato Bocci - Se questa città ha 17 zone rosse vuol dire che questa città ha dei problemi. E questi insicurezza crea difficoltà per le persone, per i negozianti e per le imprese che qui vorrebbero investire. Se le classifiche dicono che Firenze è tra le prime grandi città per denunce di furti vuol dire che qui non va tutto bene". 

"Pensare alla tramvia e non pensare ai parcheggi, alla viabilità è una follia - ha detto ancora Bocci - E poi non ci vengano a raccontare la storia dell'aeroporto perché è 50 anni che governano la città, la Regione e la Provincia e oggi la Città metropolitana. E cosa dicono? Dicono che il governo centrale non gli ha fatto fare l'aeroporto. Sono dei pinocchi".



Tag

«Scendi, non ti voglio più!». Le nuove intercettazioni choc di Bibbiano

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Cronaca