Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:15 METEO:FIRENZE17°30°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
lunedì 17 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Conte e la crisi elettorale dei Cinquestelle. Ma che c’entra il governo Draghi?

Attualità venerdì 02 maggio 2014 ore 18:13

Pelù contro Renzi, contrattacco al rocker

La polemica aperta dal cantante sul palco del Primo maggio a Roma definendo Matteo Renzi il "Boy scout di Licio Gelli"



FIRENZE — "Non vogliamo l'elemosina di 80 euro, vogliamo lavoro". Questa una delle frasi lanciate da Piero Pelù dal palco del concerto romano, da cui ha appellato il presidente del Consiglio Matteo Renzi come il "boy scout di Licio Gelli", con il riferimento al coinvolgimento di questo nella vicenda della loggia massonica P2. Parole che in molti, mezzi di informazione compresi, avevano subito ricollegato ad una presunta ritorsione del cantante nei confronti dell'ex sindaco per il non rinnovo dell'incarico della direzione artistica dell'Estate fiorentina, terminato nel 2007. Niente di più falso secondo Pelù, che in giornata ha scritto sulla sua pagina Facebook: "Ho seguito alcuni tg e in tutti, ripeto in tutti, è stata ripetuta la menzogna consumata che 'Pelù ce l'ha con Renzi perché non gli ha fatto fare l'estate fiorentina'. Evidentemente la disinformazia del boy scout di Gelli si è scatenata." Nel post Pelù ha specificato di essere stato lui a lasciare l'incarico durante l'amministrazione Domenici perché "non mi piacevano i giochi sporchi della politica". 
Nessuna risposta dal diretto interessato Matteo Renzi, mentre si sono moltiplicati i tweet ed i commenti dei compagni di partito. "Quando si perde il contatto con la realtà, il palco rischia di fare un brutto effetto", dichiara la senatrice fiorentina Rosa Maria Di Giorgi che stigmatizza le parole di Pelù come un modo "per farsi notare". "Mi pare di capire che ci sia un grave errore circa il boy scout di Gelli", scrive su Twitter il senatore Andrea Marcucci, che ricorda l'incontro quasi casuale tra il rocker e Licio Gelli nel 1995, quando il cantante e la sua band andarono a curiosare nei pressi di Villa Wanda ad Arezzo e suonarono il campanello. A sorpresa Licio Gelli non solo aprì loro le porte, ma li invitò nel salotto buono.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Pelù vs Renzi al Primo Maggio "Non vogliamo elemosine!"
"A casa di Licio Gelli" - sololitfibalive - 10 gennaio 2011

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno