Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:25 METEO:FIRENZE23°38°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
martedì 16 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Usa, Convention repubblicana: ovazione per JD Vance, nominato candidato vicepresidente per acclamazione
Usa, Convention repubblicana: ovazione per JD Vance, nominato candidato vicepresidente per acclamazione

Cronaca lunedì 11 luglio 2016 ore 09:03

La truffa su Facebook dell'abito da sposa

La Finanza ha oscurato un profilo del social network gestito da una signora grossetana che vendeva abiti e accessori 'firmati' ma made in China



SIENA — La truffa è stata scoperta grazie a un utente che, navigando a caso su Facebook, è incappato in un profilo denominato Abiti da sposa. Guardando il campionario dei modelli proposti, tutti griffati con famosi brand come Max Mara, Kiabi, Maggi Sottozero, Pinko e Wildrose, la persona in questione è rimasta stupita dei prezzi bassissimi e ha deciso di fare una segnalazione alle Fiamme gialle. 

È scattata l'inchiesta e la responsabile del profilo è stata individuata, una signora originaria di Grosseto che aveva creato una vera e propria attività di commercio elettronico acquistando gli abiti e gli accessori da cerimonia con marchio contraffatto su un sito internet cinese per poi metterli in vendita sul suo profilo Facebook.

I contatti fra venditrice e clienti avvenivano tramite posta elettronica e i pagamenti
tramite carte elettroniche prepagate a tutela dell'anonimato.

Durante una perquisizione nel'abitazione della donna sono stati ritrovati abiti da sposa di varie taglie, bozzetti, accessori, bomboniere e altri oggetti inseriti nel catalogo.

L'operazione della Guardia di Finanza ha stroncato il traffico illecito. Il profilo e il sito erano aperti solo da pochi mesi.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno