Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:00 METEO:FIRENZE11°21°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
sabato 08 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Laura Boldrini racconta la sua malattia: «Ho scoperto per caso il tumore: è stata come un'onda anomala che mi ha travolto»

Attualità giovedì 19 marzo 2020 ore 17:00

Covid, la riorganizzazione a Campostaggia

Il direttore dell'ospedale dell'Alta Valdelsa illustra la riorganizzazione della struttura per fronteggiare l'epidemia di coronavirus



POGGIBONSI — Simonetta Sancasciani, direttore dell’ospedale Campostaggia dell’alta Valdelsa illustra come la struttura è stata riorganizzata in questo periodo di emergenza per l'epidemia.

Solo due adesso gli ingressi al nosocomio. Ognuno di essi dotato di check point attivo h24 ove avviene il primo controllo, per verificare le condizioni di chi deve accedere alla struttura.

Di fronte al pronto soccorso la ben nota tenda di pre-triage, ormai visibile in ogni ospedale.

“Pur essendo un ospedale no covid, possono capitare dei casi sospetti perciò sono stati allestiti dei percorsi separati per gestire in sicurezza tutti i pazienti – spiega la direttrice – Nel pronto soccorso abbiamo le aree OBI COVID (aree di osservazione breve intensiva che garantisce anche supporto ventilatorio qualora necessario) dove i casi sospetti attendono il tampone e, da ieri, anche l’esame sierologico che, dà maggior attendibilità al tampone stesso”.

La riorganizzazione dell’ospedale e l’incremento nei controlli ha rilevato una forte diminuzione degli accessi a ospedale e pronto soccorso che avvengono ora solo per situazioni di reale necessità.

Tra i percorsi sanitari fondamentali, che vengono garantiti in ogni caso, spiccano quello della nascita e dell’oncologia.

“Covid o non covid, una partoriente va assistita per cui, se si sospetta possa essere infettata dal coronavirus, seguendo percorsi separati da quelli elettivi, la donna riceve le cure necessarie per poi essere trasferita in una struttura covid, in caso di tampone positivo, oppure in un reparto no covid come consuetudine” – continua Simonetta Sancasciani.

La filiera dell’oncologia è stata mantenuta nel suo complesso poiché si occupa di pazienti per i quali risposte tempestive possono fare la differenza.

In tutti quei casi in cui, come può accadere, i percorsi no covid si intersecano con i covid, si procederà a una sanificazione dell’ambiente per garantire la sicurezza di tutti. Infatti, se la maggior parte dei servizi del nosocomio sono stati ridotti, così non è per quelli di pulizia che sono stati invece intensificati.

“L’ospedale ha subito una riorganizzazione importante che è tutt’ora in corso ma che non sarebbe stata possibile senza la più totale collaborazione di tutto il personale a tutti i livelli. Una volta terminata questa emergenza, quello che dovremo fare, è ripopolare gli ambulatori, soprattutto per tutti quei malati cronici (come i diabetici ad esempio) che necessitano del monitoraggio costante del professionista. Sarà un percorso complesso ma sono sicura che ne usciremo più forti di prima.” – conclude Simonetta Sancasciani

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il cadavere di un uomo è stato rinvenuto nei pressi della stazione di Empoli in un edificio dismesso. Indagini in corso da parte della polizia
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Attualità