Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:56 METEO:FIRENZE14°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
mercoledì 07 dicembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Meloni alla Prima della Scala: «Sono incuriosita, è la mia prima volta»

Attualità lunedì 22 settembre 2014 ore 17:29

"Il nuovo stadio porterà 3000 posti di lavoro"

In Consiglio comunale il sindaco di Firenze Nardella ha sottolineato la forza economica del progetto presentato dalla Fiorentina per l'area Mercafir



FIRENZE — "Il futuro del mercato ortofrutticolo cittadino è a Firenze". Parola di Dario Nardella, sindaco della città che in Consiglio comunale ha risposto ad una domanda d'attualità presentata dai consiglieri Grassi e Tenerani.
Già, perché uno dei punti delicati da risolvere prima che il progetto messo nero su bianco dalla Fiorentina, che prevede uno stadio da 40 mila posti da costruire su 50 metri quadrati a Novoli, è proprio quello del futuro della Mercafir.

Prima però c'è da valutare il progetto presentato dai Della Valle e di questo si occuperà la Conferenza unificata dei servizi che si riunirà a partire dal mese prossimo e che dovrà valutare se la proposta della Fiorentina di rilevare sia il comparto sud della Mercafir, così come già previsto dal piano regolatore del Comune, che quello nord sia compatibile con l'esigenza di utilizzo dello stadio. La nuova legge nazionale sugli stadi impone infatti che ci sia equilibrio tra le prospettive d'uso della struttura e l'investimento privato, oltre che la funzionalità dei servizi pubblici a supporto. 
"Quella sarebbe un'area ideale - ha ribadito Nardella riferendosi alla Mercafir - perché raggiungibile sia in aereo (Peretola è poco distante) sia in automobile che con i mezzi pubblici, visto che la tramvia passerà in via di Novoli". 

Nardella si è anche sbilanciato sul progetto presentato dalla Fiorentina, sostenendo che risponde alle giuste esigenze di ammodernamento: "Gli stadi italiani sono da terzo mondo - ha detto Nardella - e noi dobbiamo guardare ai modelli europei che hanno squadre con stadi di proprietà, realizzati con materiali sostenibili e che non sorgono nel cuore della densità urbana della città, ma fuori".

In ogni caso il sindaco di Firenze ha sottolineato che l'opera, "prima di essere una risposta ai tifosi, è soprattutto necessaria al rilancio economico di quell'area e utile a creare nuovi posti di lavoro".
L'importante, dunque, ha concluso Nardella è che "tutto stia insieme: il nuovo stadio con lo sviluppo proposto dalla Fiorentina e la salvaguardia dell'interesse dello sviluppo della Mercafir".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Nardella sul nuovo stadio della Fiorentina - intervista

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno