Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:30 METEO:FIRENZE21°37°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
domenica 14 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Lamine Yamal compie 17 anni e festeggia con la nazionale spagnola: «Come regalo voglio vincere gli Europei»
Lamine Yamal compie 17 anni e festeggia con la nazionale spagnola: «Come regalo voglio vincere gli Europei»

Attualità venerdì 06 febbraio 2015 ore 11:11

Mucche in piazza #stoconchimunge

Servizio di Tommaso Tafi

Circa 300 allevatori sono scesi in piazza a Firenze a difesa del latte italiano. Coldiretti: "In Toscana importiamo il triplo di quanto produciamo"



FIRENZE — E' il paradosso dell latte. Ogni giorno in Toscana spariscono 5 mucche e negli ultimi 25 anni 20 mila stalle hanno chiuso i battenti. Eppure si consuma sempre più latte, tanto che le multinazionali importano il 360% di latte in più rispetto a quanto ne producono gli allevatori toscani.

Risultato: non c'è controllo sulla provenienza nè sulle percentuali di latte straniero presenti in burro e formaggi.
A questo si aggiunge la decisione dell'unione europea di cancellare le quote latte a partire da marzo, e questo si tradurrà in una liberalizzazione definitiva del mercato di cui beneficeranno gli allevatori stranieri i cui costi di produzione sono più bassi.

Per tutte queste ragioni la Coldiretti ha deciso di portare in decine di piazze in tutta italia allevatori e mucche, in modo da riallacciare un legame tra campagna e città. A Firenze 300 persone circa si sono riversate in piazza della Repubbilca. "Il latte costa 1,50 centesimi al litro sugli scaffali del supermercato - ha sottolineato Tullio Marcelli presidente della Coldiretti Toscana - ma agli allevatori arrivano meno di 35 centesimi. Negli ultimi 6 mesi poi la forbice tra costo al dettaglio e ricavo per gli agricoltori si è allargata a dismisura, visto che le multinazionali hanno iniziato a importare massicciamente latte dall'est europa".

Per questo Marcelli chiede un intervento all'Ue e al governo per certificare la provenienza del latte e dei prodotti derivati, in modo da tutelare quelli italiani. 

E in quest'ottica si inserisce l'appello per la Mukki. "Anche se il marchio verrà ceduto - ha detto Marcelli - l'importante è che ci siano garanzie per gli agricoltori del Mugello e per i consumatori".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno