Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:20 METEO:FIRENZE22°34°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
giovedì 11 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Meloni si rivolge alla stampa estera in tre lingue: «No a svolta autoritaria, noi siamo democratici»

Cronaca lunedì 16 marzo 2015 ore 17:50

Terremoto giudiziario sulle grandi opere

Servizio di Tommaso Tafi

Svelato il 'sistema Incalza' fatto di tangenti e consulenze. Indagate 51 persone tra cui ex parlamentari ex sottosegretari ed ex amministratori locali



FIRENZE — Le indagini sono partite nel 2013, dal cantiere per il sottoattraversamento fiorentino dell'alta velocità. E' in questo contesto che gli investigatori si sono imbattuti in quello che poi hanno definito il "sistema Incalza", che prende il nome dall'ex super dirigente del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Ercole Incalza, attualmente a capo della Struttura tecnica di missione che si occupa di grandi opere. 

Un sistema che, secondo gli inquirenti, è stato applicato a 11 tra i più importanti appalti che hanno interessato tutta l'Italia: in particolare quelli legati all'alta velocità nelle tratte tra Milano e Verona, Firenze e Bologna e Genova e Milano, ma anche quelli autostradali e quelli per la realizzazione di palazzo Italia ad Expo 2015.

Risultato di questo sistema: i costi delle opere sarebbero lievitati di oltre il 40%.

Gli investigatori hanno ipotizzato un'associazione a delinquere finalizzata alla corruzione, ma il gip di Firenze ha respinto questa richiesta, accogliendo invece quella di iscrivere nel registro degli indagati altre 47 persone, tra cui 4 politici. 

Secondo quanto emerge da alcune intercettazioni contenute nell'ordinanza con cui il Gip ha disposto gli arresti, Incalza avrebbe intessuto un rapporto privilegiato con Maurizio Lupi, attuale ministro dei trasporti, arrivando persino a scrivere il programma dell'Ncd.

Da quanto emerge da una telefonata intercettata tra Lupi e Incalza poi, quest'ultimo avrebbe anche sponsorizzato la nomina di Riccardo Nencini a viceministro dei trasporti: "Dopo che tu hai dato...hai coperto...hai dato la sponsorizzazione per Nencini...l'abbiamo fatto viceministro", diceva Lupi il 28 febbraio scorso. 

Resta ora da capire se la nuova inchiesta avrà ripercussioni sui cantieri. Il sindaco di Firenze Dario Nardella ha chiesto che i cantieri proseguano, mentre le esponenti di Sel in parlamento, Alessia Petraglia e Marisa Nicchi hanno chiesto che venga istituita una commissione d'inchiesta sul sottoattraversamento fiorentino dell'Alta velocità.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il violento impatto con lo scooter non ha lasciato scampo né all'uomo né al quattro zampe. Gravissimo il 19enne alla guida del motorino
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità