Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:08 METEO:FIRENZE15°21°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
martedì 27 settembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Di Battista: «Di Maio?Mi dispiace, ma chi è causa del suo mal... Ora si prenda una laurea»

Attualità giovedì 16 ottobre 2014 ore 16:45

Trasporto sociale, un'eccellenza sregolata

Ogni anno in Toscana circa 6300 persone, anziani e disabili, usufruiscono del servizio di trasporto tra casa e ospedale. Ma manca una norma quadro



FIRENZE — Società della salute, Usl, Comuni, Unioni dei Comuni, convenzioni tra associazioni comunali, fondazioni e consorzi. Sono una decina i soggetti che gestiscono il servizio di trasporto in Toscana. Ciascuno con le proprie modalità amministrative e stabilendo i criteri di accesso che preferisce. Un quadro che la vicepresidente della Regione, Stefania Saccardi, vorrebbe regolamentare approvando una normativa regionale in grado di coniugare le peculiarità di ciascuna realtà con l'esigenza di rendere uniforma la gestione di un servizio che ogni anno assicura circa 600 mila prestazioni alla fetta più disagiata della popolazione, anziani e disabili in particolare.

Un servizio cui la Regione nel 2013 ha destinato 8,4 milioni di euro che sono serviti a finanziare le associazioni di volontariato e le cooperative che si occupano del trasporto verso i centri diurni, verso le case famiglia o verso gli ospedali di tutte le persone che non possono muoversi autonomamente. Un servizio praticamente gratuito per gli utenti, come ha certificato il primo rapporto sul trasporto sociale in Toscana, presentato nell'aula magna di Careggi a Firenze, secondo cui la compartecipazione degli utenti incide per il 4,4% del totale delle risorse impegnate.

Per il resto il rapporto ha messo in luce che a farla da padrone nella gestione amministrativa sono le Società della Salute, nel 35,4% dei casi e le Aziende Usl nel 25,3%.

Un servizio che si fonda sul lavoro del volontariato (87% dei casi), cui viene affidato direttamente il lavoro in 7 casi su 10. 

Un servizio fondamentale che, come ha sottolineato la vicepresidente Saccardi, verrà garantito anche se saranno confermati i tagli alle Regioni previsti dalla legge di stabilità. Tagli che, assicura Saccardi, non riguarderanno né la sanità né il sociale.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Capuzzi, Anci su riforma del trasporto sociale - dichiarazione
Saccardi su legge di stabilità - dichiarazione

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ecco dove sono rimasti i 'baluardi rossi' dopo le politiche 2022, con il centrodestra trainato da Fratelli d'Italia vittorioso in Italia e in Toscana
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Cronaca