Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 00:05 METEO:FIRENZE13°25°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
domenica 16 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Londra, Kate Middleton e la famiglia reale si affacciano dal balcone di Buckingham Palace

Attualità mercoledì 15 maggio 2024 ore 11:45

Turisti sulle vie del gusto, Toscana al top

bruschetta

Il turismo enogastronomico toscano è in vetta alle classifiche nazionali e internazionali per numero di riconoscimenti ufficiali: in tutto sono 137



TOSCANA — Tutte le strade del gusto portano in Toscana, che si conferma al top in Italia e nel mondo per numero di percorsi enogastronomici: sono 137 i riconoscimenti tra città del vino, dell’olio e del bio, strade del vino ed altri itinerari che valorizzano le peculiarità agroalimentari mettendo in connessione enogastronomia, turismo, agricoltura e ambiente. 

La Toscana stacca il Piemonte e la Campania (123 riconoscimenti), mentre più distanti ancora sono il Veneto (99), la Sicilia (88) e la Sardegna (87). 

I dati arrivano da Coldiretti Toscana sulla base dell’analisi dell’Osservatorio degli Indicatori Territoriali di qualità di Ismea e della Fondazione Campagna Amica. Il primato degli itinerari certificati della Toscana è determinato dalla presenza di 55 Città dell’Olio e 23 Strade del Vino, 48 Città del Vino, Olio e Sapori e 11 Città del Bio. 

Ma non solo, perché la Toscana può contare anche su 22 Presidi Slow Food, 6 riconoscimenti per i paesaggi rurali, 35 per le riserve statali, 20 per le Oasi del Wwf, 4 siti Fai, 21 patrimonio dell’Unesco, 6 parchi nazionali e 5 regionali oltre a 47 riserve regionali e 34 statali che fanno salire a 302 i riconoscimenti territoriali.

“Due turisti su tre considerano cultura e cibo le principali motivazioni per programmare un viaggio o una vacanza. Un terzo del budget speso è destinato proprio alla tavola, straordinario volano economico per le nostre campagne e soprattutto per le nostre aziende agricole", spiega Letizia Cesani, presidente regionale dell'associazione degli agricoltori. 

A beneficiare della straordinaria ricchezza di brand territoriali è infatti senza dubbio il turismo rurale che ha visto dal 2001 esplodere l’ospitalità agrituristica che oggi può contare su 5.600 strutture presenti nel 97% dei comuni regionali e 5 milioni di turisti con il 20% in più di stranieri ed un incremento di presenze nazionali del 13% rispetto all’anno pre-Covid.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno