Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:25 METEO:FIRENZE12°19°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
venerdì 14 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Gaza, l'esercito israeliano attacca con forze aeree e truppe via terra

Attualità lunedì 19 aprile 2021 ore 17:50

"Addio babbo" in videochiamata dal reparto Covid

infermiere covid

Anche all'ospedale Santo Stefano la tecnologia aiuta a mantenere i contatti, e le infermiere raccontano i momenti più toccanti a cui hanno assistito



PRATO — L'addio di una figlia al babbo malato di Covid-19 è passato per l'apparente freddezza di una videochiamata. Ma è il solo contatto possibile tra i pazienti e i loro familiari nel contesto pandemico. Le videochiamate rientrano anche all'ospedale Santo Stefano di Prato nel processo terapeutico, e le infermiere diventano quotidianamente protagoniste del lessico familiare e degli affetti che scorre a manciate di bite, tra circuiti e schede madri. E il cuore partecipa.

L'infermiera Giulia, che con la giovane collega Elena lavora in reparto Covid, si commuove raccontando: "Nei giorni scorsi siamo riusciti a mettere in collegamento la figlia con il padre ricoverato. E’ stato l’ultimo incontro per loro, un ultimo saluto che si sono potuti scambiare. Purtroppo le condizioni cliniche del padre si sono aggravate e non ce l’ha fatta. Siamo confortati per essere riusciti a concedere un momento di intimità e questo ci spinge ad andare avanti".

Rosa è la coordinatrice infermieristica del Settore 2 dell’area Covid. In questa terza ondata della pandemia ci sono tanti giovani ricoverati. Nel suo reparto ci sono 50 pazienti e circa la metà necessita di ventilazione assistita non invasiva. Il team infermieristico coordinato da Rosa ha organizzato, attraverso un percorso in sicurezza, la visita di un paziente Covid alla moglie ricoverata in un altro settore Covid per condizioni cliniche peggiori: "Assistere al loro abbraccio è stato un momento che non scorderò mai. Sono immagini che resteranno sempre nella mia mente e nel mio cuore". 

Le videochiamate sono per i pazienti e per i familiari fonte di sollievo, in un carico emotivo che le infermiere e i sanitari condividono pelle a pelle con i malati. Nei reparti Covid non ci sono orari per le visite dei parenti, i malati sono soli senza un contatto con il mondo esterno. La modalità della videochiamata giornaliera per la comunicazione tra pazienti e familiari ha preso avvio in uno dei settori Covid dell’ospedale pratese, estesa poi negli altri setting ed inserita nel piano di lavoro assistenziale come parte del processo di cura.

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Gravissimo incidente la notte scorsa, un ragazzo ha subito l'amputazione di entrambe le gambe. È ricoverato in prognosi riservata
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Cronaca