Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:35 METEO:FIRENZE15°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
domenica 18 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, le notti violente all'Arco della Pace

Attualità venerdì 26 febbraio 2021 ore 12:24

Col bisturi in 3D la prima volta al Santo Stefano

Il modellino utilizzato
Il modellino utilizzato

Debutta dall'ospedale pratese nell'intera Asl la tecnologia digitale in sala operatoria. Effettuata l'asportazione laparoscopica di un surrenne



PRATO — La tecnologia digitale in 3D arriva nelle sale operatorie dell'ospedale Santo Stefano a Prato, con un debutto per l'intero territorio della Asl Centro. Con questa innovativa tecnica è stato infatti eseguito con successo un intervento di surrenectomia laparoscopica, vale a dire l'asportazione di un surrene. A praticare l'intervento è stata l’equipè dell’unità di chirurgia generale diretta dal dottor Stefano Cantafio, nell’ambito del dipartimento delle specialistiche chirurgiche diretto dal dottor Stefano Michelagnoli. La nuova frontiera della chirurgia di precisione è stata applicata per la prima volta nell’azienda sanitaria. 

Fino a non molti anni fa, spiega proprio una nota Asl, un intervento chirurgico complesso era pianificato sulla base di immagini bidimensionali in bianco e nero prodotte da radiografie, Tomografia computerizzata e Risonanza Magnetica. Grazie a questa nuova tecnologia è possibile realizzare un modello tridimensionale in scala 1 a 1 di un organo o di specifiche strutture anatomiche consentendo di studiare e simulare l’intervento chirurgico.

Attraverso un sofisticato software viene realizzata una ricostruzione tridimensionale molto accurata dell’organo, con misurazioni precise anche di strutture come vasi, lesioni ecc..sulla quale il chirurgo, prima di entrare in sala operatoria può pianificare in anticipo la scelta strategica migliore, evitare complicanze intraoperatorie e ridurre il rischio di errore. Nel caso specifico la paziente presentava un ingrandimento della ghiandola surrenale. E’ stata valutata congiuntamente con la dottoressa Barbara Conforti, medico internista della struttura di Medicina 1, diretta dal dottor Giancarlo Bini.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Controlli per il rispetto delle norme anti-covid. Le volanti della polizia sono intervenute intorno alle 21 nel locale, multe per tutti
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Libero Venturi

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità