Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:13 METEO:FIRENZE14°26°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
venerdì 24 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Alitalia, scontri tra polizia e manifestanti all'aeroporto di Fiumicino

Attualità venerdì 07 maggio 2021 ore 13:00

In piazza per Luana "E' il lavoro, non la guerra"

Foto di: Spi Cgil / Facebook

Al Castello dell'Imperatore, stamani, la manifestazione contro le morti bianche. Con sindacati e istituzioni anche la mamma di un'altra vittima



PRATO — "E' il lavoro, non la guerra": rimarrà forse questa la frase simbolo della manifestazione che stamani a Prato, in piazza Santa Maria delle Carceri, ha radunato sindacati e istituzioni ancora sotto choc dopo la morte, il 3 maggio scorso, della mamma e operaia di 22 anni Luana D'Orazio in un incidente sul lavoro nell'azienda tessile di Oste, a Montemurlo, in cui si trovava in servizio.

A pronunciarla, quella frase, un'altra mamma di un'altra vittima del lavoro: Sabri Jaballah. Lui, 23 anni e dunque coetaneo di Luana, ha perso la vita in un'altra azienda tessile a Montale il 2 febbraio scorso, schiacciato da una pressa. "Non è giusto - ha detto la madre di Sabri salendo sul palco della manifestazione pratese, in mano la foto del suo figliolo - ho cercato di andare avanti ma è difficile, non è possibile morire così sul lavoro, non siamo in guerra". 

Secondo i dati forniti dagli organizzatori oggi erano un migliaio, in piazza a Prato alla manifestazione indetta da Cgil, Cisl e Uil per ribadire che no, non si può morire di lavoro. Sul Castello dell'Imperatore lo scandiva lo striscione su fondo azzurro: "Morire di lavoro oggi non solo è inconcepibile, è intollerabile", c'era scritto. 

Folta la presenza dei rappresentanti istituzionali, a cominciare dal presidente della Regione Toscana Eugenio Giani e poi l'assessore regionale a istruzione e impiego Alessandra Nardini e il sindaco di Prato Matteo Biffoni: "La piazza di oggi è un bel segnale - ha detto quest'ultimo - ora lo Stato deve raccoglierlo. La morte di Luana ha scosso la coscienza del Paese: basta morti bianche".

Luana D'Orazio - i cui funerali sono fissati per lunedì 10 Maggio nella chiesa della frazione di Agliana in cui viveva col bimbo e con i familiari - è morta il 3 maggio scorso. L'altro ieri Cristian Martinelli ha perso la vita in una ditta di Busto Arsizio, nel Varesotto. Ieri l'artigiano edile Maurizio Gritti, 47 anni tra due giorni, è morto nel cantiere edile dove stava lavorando. Lascia la moglie e due figli. Sempre ieri, intorno alle 21,30, l'operaio di 37 anni Andrea Recchia è morto in uno stabilimento di produzione mangimi nel Parmense. Eppure, come ha detto la mamma di Sabri: "E' il lavoro, non la guerra".

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nuovo, drammatico incidente sul lavoro in Toscana. Le fiamme sono divampate mentre l'uomo era solo. Strada chiusa per domare il rogo
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Attualità