Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:35 METEO:FIRENZE9°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
lunedì 30 gennaio 2023

— il Blog di

Uno, due, tre... alzati!​

di - venerdì 16 settembre 2022 ore 08:00

Quest’estate ho sentito i bambini e i ragazzi cantare a squarciagola la canzone di Elodie e credo possa continuare ad essere un tormentone anche adesso che è iniziata nuovamente la scuola! Me li immagino già, quelli svegli alle 6, sull’attenti, frettolosi e vogliosi di tornare in classe dai loro amici, dalle loro insegnanti, e quelli, come ero io alla loro età, a letto ad elemosinare 5 minuti in più di sonno, con i genitori che gridano dalla cucina “Alzatiiiii!!!!”.

Devo dire che, ogni anno, l’inizio della scuola è per me un momento di grandi emozioni anche adesso che non ho più nessun ruolo all’interno di questo mondo. Sarà perché aspetto trepidante le foto dei miei nipoti il primo giorno, sarà perché la scuola è stata per me complicata e, al contempo una grande guida.

Questo inizio di anno si prospetta, almeno sulla carta, diverso dai precedenti. I ragazzi potranno tornare alla routine, niente più mascherine né obbligo di distanziamento. E, almeno nella mia realtà, molti studenti potranno inaugurare nuove strutture scolastiche. Sia Ponsacco che Pontedera, infatti, hanno portato a termine due nuovi edifici, dopo anni un po' claudicanti tra moduli esterni e spostamenti in palazzi vari, adesso le scuole tornano ad essere identificabili anche visivamente.

Da pontederese doc non posso non essere felice del nuovo polo didattico Dino Carlesi, nato sulle rovine di un ecomostro che da anni abbruttiva la mia città. E da psicologa non posso non fare il parallelismo e sperare che possa essere ciò che accadrà anche alle istituzioni scolastiche, sperare che anche loro possano risorgere dalle difficoltà di questi ultimi tempi.

Genitori abbiate pazienza con i vostri figli, e cercate di mettervi sempre in ascolto.

Insegnanti, anche voi ascoltate i vostri alunni, insegnate loro contenuti ma anche e sopratutto insegnate loro a ragionare e riflettere, sollecitate e stuzzicate un pensiero critico su ciò che li circonda perché saranno adulti un domani e le basi se le faranno adesso, anche grazie a voi.

E ragazzi ascoltate questi adulti che non sono lì solo a “cazziarvi” ma cercano anche di indirizzarvi. Cercate di avere sempre un atteggiamento curioso verso la conoscenza e siate gentili con i vostri coetanei.

Ascolto, gentilezza, cura di sé e degli altri possono davvero essere dei binari sui quali far muovere la locomotiva di questo nuovo inizio.

Auguro a tutti un buon anno scolastico!