Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:37 METEO:FIRENZE8°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
martedì 07 febbraio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Turchia, il terremoto apre delle voragini in strada: auto inghiottite

Attualità domenica 23 gennaio 2022 ore 16:30

Aspettando il quarto scrutinio, come per Gronchi

Il presidente Giovanni Gronchi in una foto d'epoca

Domani cominciano le votazioni per il presidente della Repubblica, tra dubbi e incertezze. Ma come arrivò al Quirinale il più famoso dei pontederesi?



PONTEDERA — Berlusconi o Draghi. Ma anche Amato, Casellati, Casini, Pera, Riccardi. E chissà se, nelle prossime ore, usciranno altri nomi. Quel che è certo è che domani alle 15 inizieranno le votazioni per eleggere il nuovo presidente della Repubblica. Difficile, quasi impossibile che ciò avvenga nei primi tre scrutini, quando è richiesta la maggioranza dei due terzi. Dal quarto, invece, con la maggioranza assoluta, il gioco sembra più semplice.

Anche quest’anno, come ogni volta, il rito dell’elezione del capo dello Stato è stato accompagnato da aneddoti, alcuni veri, altri verosimili, scoop e retroscena. Un valzer che, se a molti può sembrare esclusivamente il ballo della politica di oggi, non è certo mancato anche nelle votazioni che furono. A cominciare da quella del più famoso dei pontederesi: Giovanni Gronchi.

Presidente della Repubblica tra il 1955 e il 1962, Gronchi è stato ricordato nel giorno del 40° anniversario della sua morte proprio a Pontedera, con una visita dell’attuale presidente Sergio Mattarella. Prima di salire al Quirinale, Gronchi ricopriva il ruolo di presidente della Camera dal 1948. Un ruolo di imparzialità che ben si sposava con la sua figura: atipico, fuori dagli schemi e autenticamente indipendente.

Il presidente Mattarella durante la sua visita a Pontedera


Giunti alla scadenza del settennato di Luigi Einaudi, i favori parlamentari sembrarono doversi indirizzare verso Cesare Merzagora, candidato ufficiale della Democrazia cristiana. Verso il quale, però, non nutrivano grandi simpatie i socialcomunisti e parte dello stesso schieramento democristiano. E come spesso accade, chi entra in conclave papa, ne esce cardinale: anche allora, i “franchi tiratori” affossarono Merzagora, che al primo scrutinio raccolse soltanto 228 preferenze. Mentre su 30 schede, comparve per la prima volta il nome di Gronchi.

Gronchi presidente della Camera dal 1948 al 1955


Nonostante Amintore Fanfani, segretario della Dc dopo la scomparsa di De Gasperi, pare che fosse arrivato a chiedere a Gronchi di ritirarsi dalla corsa, questi non si arrese. Su di lui, ben presto, riuscirono a convergere anche i voti della sinistra di Togliatti e Nenni. Ottenuta di fatto la candidatura dal suo partito, il 29 Aprile, al quarto scrutinio con 658 voti su 883, Gronchi divenne presidente. Anche se al Quirinale, per sua volontà, non andò mai a vivere.

E quando l’ormai ex presidente della Camera, nel suo discorso d’insediamento, chiede al parlamento di far sì che anche le masse lavoratrici possano finalmente entrare a pieno titolo nel sistema democratico e repubblicano, molti mugugnarono. Non Gian Carlo Pajetta, deputato comunista che si racconta fece recapitare a Mario Scelba, ministro democristiano, un bicchierino di Cynar. Per lenire il mal di pancia, diciamo.

Il presidente Gronchi durante un'occasione ufficiale. Si riconoscono Giovanni Leone e Amintore Fanfani


Nei giorni successivi, Gronchi si affermò come uno dei protagonisti dell'Italia del secondo dopoguerra, non dimenticando mai le proprie origini. Già nei giorni immediatamente successivi, tornò a Pontedera a trovare la madre Maria Giacomelli, sepolta al cimitero cittadino. Quindi a Pisa, al campo santo dove riposava suo padre Sperandio.

Pietro Mattonai
© Riproduzione riservata


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Giovanni Gronchi eletto Presidente della Repubblica (Istituto Luce)
Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Originaria di Milano, in Toscana aveva svolto gran parte della sua carriera. Giallo sulla sua morte, gli investigatori non escludono alcuna ipotesi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Spettacoli