Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:27 METEO:FIRENZE15°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
giovedì 04 marzo 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Sanremo, le lacrime di Elodie: «Non sempre bisogna sentirsi all'altezza delle cose, l'importante è farle»

Attualità martedì 29 dicembre 2020 ore 19:40

Tutti per Cristina, 70mila euro in 4 giorni

La storia di una giovane madre in coma e della sua bimba in gravi condizioni ha scatenato una gara di solidarietà contagiosa. Il racconto del marito



MONTE SAN SAVINO — Settantamila euro in quattro giorni. La storia di Cristina e Caterina sta generando una gara di solidarietà contagiosa, senza sosta né confini. 

Sulla piattaforma Gofundme la raccolta partita il giorno di Natale ha raggiunto quasi la metà dell’obiettivo fissato: 150mila euro. E’ la storia di una madre di 37 anni e della sua bimba di 5 mesi e di un marito e padre che non molla: Gabriele Succi.
Tutti e tre stanno lottando per la vita da tre posizioni diverse e la loro casa ad Alberoro è diventata il quartier generale della fratellanza.
E' da qui che partono messaggi, contatti, telefonate con istituti di riabilitazione e cliniche specializzate per individuare la soluzione giusta per la giovane madre. Tutto inizia un maledetto giorno di luglio quando Cristina Rosi incinta di Caterina ha un arresto cardiaco prolungato: in casa c’è la madre che chiama subito il 118, la corsa in ospedale “dove i medici decidono per il parto anche se la bimba è prematura”, racconta Gabriele, 40 anni magazziniere in un’azienda di Arezzo.
La piccola Caterina “viene trasferita a Siena dove resta due mesi, poi a Firenze dove viene accertato un danno cerebrale per l’assenza di ossigeno che ha patito anche la madre. Adesso è seguita nel reparto Pediatria del San Donato”, spiega Gabriele. Cristina da alcuni mesi si trova in un centro di riabilitazione. “Le sue condizioni sono gravi, è in uno stato vegetativo e al momento non vedo progressi”.
Di qui l’intenzione di individuare “un istituto privato dove trasferirla e assicurarle tutto ciò che va fatto per il suo bene”, aggiunge Gabriele che insieme ad alcuni amici suoi e di Cristina che non lo mollano un attimo, ha deciso di aprire la raccolta fondi sulla piattaforma online. E la risposta è stata immediata e travolgente. 

I soldi servono “per le cure di Cristina e di Caterina perché anche la bimba ha bisogno di un’assistenza continua, giorno e notte”, aggiunge Gabriele quasi stordito da tanta solidarietà. Il sindaco di Monte Savino Margherita Scarpellini ha rilanciato la mobilitazione per dare una mano a questa famiglia in un momento così terribile ma anche carico di speranza. 

“Cristina è una donna meravigliosa, sempre sorridente; una donna di fede, pronta ad aiutare gli altri. In venti anni che la conosco non l’ho mai vista litigare con nessuno”, sottolinea Gabriele con la voce rotta dall’emozione e dal dolore. “Sono distrutto, a questo punto da solo non ce la faccio”. Il suo appello non è rimasto nel vuoto, anzi è al centro di un cuore grande fatto di persone che partecipano, come possono, a un obiettivo che a questo punto è di tutti. 

Per partecipare alla raccolta fondi ecco il link: https://www.gofundme.com/f/sostenere-cristina-rosi-nelle-sue-cure-mediche?utm_source=facebook&fbclid=IwAR0vVdkleEaVQoe7ePe-HOBwjPKkLV8JsDG4oMRikWby6EinC-tCsAqnDlo

Lucia Bigozzi
© Riproduzione riservata

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Attualità