Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:50 METEO:FIRENZE19°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
giovedì 25 febbraio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Funerali di Stato per Attanasio e Iacovacci: la moglie dell'ambasciatore in prima fila con le figlie

Cronaca sabato 10 dicembre 2016 ore 18:27

Il killer di Milano si nascondeva a Bettolle

Il 26enne dominicano responsabile dell’omicidio di un suo connazionale a Milano il 12 novembre si nascondeva in una villetta tra Bettolle e Torrita



SINALUNGA — Nella notte tra lunedì 5 e martedì 6 dicembre, la polizia ha eseguito un fermo di polizia giudiziaria nei confronti di uno degli autori dell’omicidio di un cittadino dominicano avvenuto a Milano.

Le indagini condotte dai poliziotti della squadra mobile hanno permesso di accertare che l’arrestato dopo l’omicidio del connazionale è immediatamente fuggito da Milano per nascondersi in una villetta di Bettolle dove è stato fermato dagli agenti della Squadra Mobile di Milano, in collaborazione con la squadra mobile di Siena e della polizia Municipale del luogo.

Il fermato è accusato dell’omicidio, in concorso con un altro soggetto, di un suo connazionale deceduto a seguito dell’aggressione subita il 12 novembre in piazzale Loreto, all’angolo con via Padova a Milano.

L’uomo è morto il pomeriggio del 14 novembre successivo, a causa delle molteplici ferite da arma da taglio ed almeno una che potrebbe essere riconducibile ad un’arma da fuoco. Sin da subito, grazie alle testimonianze acquisite e ai primi riscontri, uno dei due autori dell’aggressione è stato identificato. Il 26enne è un irregolare sul territorio nazionale, con precedenti per evasione, resistenza, reati conto il patrimonio e falso.

Negli ultimi giorni i poliziotti della Squadra Mobile di Milano, coadiuvati dai colleghi senesi, grazie ad indagini serratissime, sono arrivati alla villetta tenendola sotto stretta osservazione giorno e notte. Gli operatori hanno cercato di carpire qualsiasi segnale e una volta notati dei comportamenti anomali da parte di chi lo ospitava, hanno circondato l’abitazione e poi vi hanno fatto accesso, trovando l’uomo nascosto nel bagno sito al primo piano.

In seguito alle dichiarazioni rese spontaneamente è stata rinvenuta e sequestrata a Pioltello (MI), nascosta in un’area industriale dismessa, una pistola marca Beretta calibro 7.65 che, a dire dell’uomo, è stata utilizzata nell’aggressione.

Le indagini procedono per individuare l’altro responsabile dell’omicidio.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità