Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:22 METEO:FIRENZE13°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
venerdì 03 febbraio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Lo sfogo di Facchinetti jr dopo la rapina in villa: «Ho paura, non voglio far crescere i miei figli in questo Paese»

Cronaca mercoledì 05 giugno 2019 ore 19:10

Morì nell'atrio dell'ospedale, maxirisarcimento

I familiari di una donna di 66 anni deceduta nel 2011 mentre lasciava il pronto soccorso dell'ospedale Versilia hanno vinto la causa in sede civile



LUCCA — Era il 17 maggio 2011 quando Doretta Ricci Vecoli morì a 66 anni nell'atrio dell'ospedale Versilia dopo otto ore passate in osservazione al pronto soccorso, dove si era recata per lievi difficoltà respiratorie. Venne visitata e in seguito dimessa, ma morì pochi minuti dopo, mentre se ne andava.

I familiari della donna hanno vinto la causa civile davanti al tribunale di Lucca, che ha stabilito un risarcimento di oltre un milione di euro a carico della Usl Toscana Nord Ovest. 

A rendere noto l'esito della vicenda processuale è l'associazione Giusta Causa.

"Il caso - sottolinea  Giusta Causa- testimonia, ancora una volta, come la cattiva gestione dei pazienti, se non adeguatamente affrontata e risolta, porti, anche a distanza di anni, ad un ulteriore e gravoso esborso economico a carico del sistema sanitario nazionale, così come il risarcimento disposto in questi giorni testimonia appieno". 

 "Quel 17 maggio 2011  - aggiunge l'Associazione- fu vittima di un incredibile errore sanitario: dimessa da pochi minuti dal pronto soccorso, ove si era recata ben otto ore prima per lievi difficoltà respiratorie, morì nell'atrio del reparto di emergenza. I sanitari, che l'avevano appena dimessa con una diagnosi assolutamente erronea di 'verosimile riacutizzazione di broncopolmonite, avevano difatti completamente misconosciuto la reale diagnosi di trombo embolia polmonare''.

Secondo l'associazione "Alcuni degli esami eseguiti furono non correttamente interpretati (emogas analisi), altri - osserva Giusta Causa- non furono proprio prescritti (D-dimero o troponina) e la Rx del torace fu addirittura erroneamente refertata, non evidenziando la presenza di trombo-embolia polmonare con area infartuale alla base del polmone destro''.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il corpo senza vita di un 53enne è stato rinvenuto in un riparo di fortuna riverso a terra. Gli inquirenti propendono per la lite finita in tragedia
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Attualità