Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 13:44 METEO:FIRENZE20°30°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
mercoledì 04 agosto 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Federica Pellegrini e il suo compleanno: «Festeggerò con tanto sushi»

Cronaca mercoledì 15 giugno 2016 ore 11:02

Il campo rom ha le ore contate

Bufera a Viareggio per la decisione del sindaco di chiudere la struttura di Torre del Lago. Le donne del campo: "Come si può dividere le famiglie?"



VIAREGGIO — Alla fine la decisione è stata presa e le procedure per la dismissione del campo rom di via Cimarosa a Torre del Lago stanno per iniziare. Nel campo, creato nel 2007 dalla giunta di centrosinistra allora guidata da Marco Marcucci, vivono 41 persone, di cui 19 minori. Di questi, 13 sono iscritti alla scuola dell'obbligo. E' presente un minore diversamente abile seguito da un'assistente sociale della Usl.

Lo scorso 22 febbraio è scaduto il secondo nulla osta concesso dal Parco di San Rossore per continuare a tenere allestito il campo nomadi e ora la decisione è stata quella di non concedere altre proroghe. "Credo che sia arrivato il momento di guardare le cose in faccia per come sono. Il modello dei campi nomadi è definitivamente superato - ha detto il sindaco di Viareggio Giorgio del Ghingaro - ci avviamo quindi, alla dismissione di questo 'non-luogo' di via Cimarosa, dove per anni la politica è stata assente e non è riuscita a progettare processi di inserimento socio-abitativo".

Intanto proprio al sindaco si sono rivolte le donne del campo rom che hanno scritto anche all'assessore al sociale, all'arcivescovo di Lucca, al parroco di Torre del Lago e agli insegnanti dell'istituto comprensivo oltre che alle associazioni di volontariato.  "Le donne ed i bambini verranno ospitati in una struttura, che non sappiamo ancora dov'è, mentre gli uomini devono arrangiarsi da soli. Come si può dividere le famiglie? - dicono - In questi anni abbiamo vissuto in condizioni igienico sanitarie precarie, con fognature non fuori uso e servizi igienici fatiscenti. Non abbiamo mai chiesto nulla, se non quello che venissero riparate queste cose. Vogliamo collaborare con la città, non crediamo di essere un problema, siamo uomini e donne esattamente come voi".

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Aveva 67 anni ed era molto conosciuta la signora che stamattina ha perso la vita nell'impatto con un camion carico di marmo che l'ha investita
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Davide Cappannari

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità