Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 01:00 METEO:FIRENZE20°31°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
venerdì 06 agosto 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Vaccini, Speranza: «Unico strumento per chiudere questa stagione difficile»

Attualità mercoledì 10 giugno 2015 ore 12:41

Virus su Facebook, il contagio passa dal porno

Immagini e video pornografici sulle bacheche personali del social network. Tantissimi i toscani colpiti e costretti a chiudere il proprio account



FIRENZE — Ne stanno arrivando a centinaia. Inizialmente sembrano messaggi un po' spinti arrivati sulla chat di Facebook, ed a trarre in inganno è la provenienza da amici ben conosciuti. Si clicca sul link ed il gioco è fatto: il virus si insinua nel pc ma anche nello smartphone, provocando danni spesso irreversibili, ma soprattutto carpendo tutti i dati sensibili.

La segnalazione era già giunta lo scorso 27 maggio da Agente Lisa, la pagina della polizia postale: "Ci segnalano la ricomparsa del finto video su cui si viene taggati da un amico di Facebook. - scrive l'account dell'Arma - Ovviamente l'amico è all'oscuro di tutto e in realtà se si clicca sul link non parte nessun video. Anzi, si viene rimandati ad un sito con la richiesta di inserire i dati personali per visionarlo. Non fatelo! È un tentativo di carpire le vostre credenziali. L'unica cosa da fare - si legge dall'avvertimento che annuncia il virus - è rimuovere il tag e magari avvertire i vostri amici di Fb con un messaggio in bacheca in cui spiegate che non li state taggando in alcun video e di non aprirlo nell'eventualità che avvenisse. Se invece avete già fornito i vostri dati, cambiate subito la password di Facebook".

Anche Facebook si è subito attivato identificando e disattivando i link potenzialmente dannosi come si legge nel loro comunicato diramato in questi giorni.  “Utilizziamo diversi sistemi automatici per identificare link potenzialmente dannosi e per fermarne la diffusione. In questo caso, siamo consapevoli di queste varietà di malware, che sono tipicamente ospitati come estensioni del browser e distribuiti tramite link sui social media - scrivono da Palo Alto, sede principale del social -  Stiamo bloccando link a queste truffe, offrendo opzioni di pulizia e rimozione, e adottando ulteriori misure per garantire che le persone continuino ad avere un'esperienza sicura su Facebook”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il drammatico incidente è avvenuto questa mattina poco dopo le 6, all'altezza della stazione. Accertamenti in corso per identificare la vittima
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Riccardo Ferrucci

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

CORONAVIRUS

Attualità