Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 08:15 METEO:FIRENZE11°17°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
giovedì 13 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Stupro o sesso consenziente? Alcol, chat, testimonianza. Cosa dicono i giudici che i nostri figli devono sapere

Politica venerdì 09 aprile 2021 ore 15:05

Si dimette la maggioranza, Comune commissariato

Rottura con il sindaco, sei consiglieri hanno dato le dimissioni facendo cadere la giunta. Panicucci: "Non sono sorpreso, pronto a ricandidarmi"



CASTELLINA MARITTIMA — Sei consiglieri comunali di maggioranza, Elena Bettacchi, Lorenzo Giannino, Marco Chiellini, Elena Tozzi, Tommaso Giari Lara Del Ghiandahanno presentato simultaneamente le dimissioni sciogliendo così il consiglio comunale di Castellina Marittima e mettendo fine al mandato del sindaco Manolo Panicucci e della giunta, composta dalla vicesindaca Fulvia Vetturini e dall'assessore Doriano Giglioli.

Il sindaco Panicucci, che si definisce di sinistra ma non è iscritto al Pd, ha spiegato a QUInews che alla base della rottura ci sono state le divergenze di idee e di azioni da compiere tra la giunta e i sei membri del consiglio, più vicini a posizioni centriste.

Il Consiglio comunale di Castellina è composto da dieci membri, sette di maggioranza e tre di minoranza. Dei sette consiglieri di maggioranza era rimasto al suo posto solo il capogruppo Renzo Dani, proveniente da Rifondazione comunista.

Il prefetto di Pisa Giuseppe Castaldo, a seguito delle dimissioni presentate dai sei consiglieri del Comune di Castellina Marittima, ha nominato il Commissario prefettizio per la provvisoria gestione del Comune fino a nuove elezioni. La commissaria di Castellina sarà Alessandra Petronelli, viceprefetto aggiunto, vice capo di Gabinetto della Prefettura di Pisa. A lei sono attribuiti i poteri del sindaco, della Giunta e del Consiglio comunale. A quanto si è appreso Petronelli arriverà a Castellina la prossima settimana per iniziare il suo lavoro di traghettatrice fino alla prossima finestra di elezioni, fissata tra metà Settembre e metà Ottobre. 

Il mandato di Panicucci sarebbe scaduto nel 2022, ma perché si è arrivati a questa rottura?

L'ormai ex primo cittadino Panicucci, classe 1961, era già stato sindaco di Castellina dal 1999 al 2009. Oltre al ruolo politico Panicucci ha un ristorante a Rosignano Solvay. Alla base di questa rottura clamorosa c'è stata, come detto, una forte divergenza di vedute tra i sei consiglieri di maggioranza che si sono dimessi e la giunta: "Non sono sorpreso - ha detto l'ex sindaco - tanto che avrei presentato le mie dimissioni in consiglio ieri mattina. Ma sono stato anticipato dai consiglieri che simultaneamente si sono dimessi, facendo cadere il mandato. Non c'erano più le condizioni per andare avanti, i consiglieri sono vicini alle posizioni del segretario del Pd di Castellina, che è di provenienza renziana, mentre io e la capogruppo siamo più a sinistra".

Diverse le frizioni tra la giunta e i sei consiglieri, sia sulle opere pubbliche che sul regolamento urbanistico: "Nel 2017 avevamo già un commissario prefettizio, per le dimissioni del precedente sindaco. Sono stato contattato per dare una mano, perché avevo già un po' di esperienza a livello locale. Mi sono messo a disposizione. Ma già non facevo parte del Pd perché dopo che Renzi è diventato segretario ho annullato la mia iscrizione. Io guardo alla sinistra, anche se ero appoggiato dal Pd, oltre che da Rifondazione". 

Ma visto che le elezioni sono tra pochi mesi Panicucci sarebbe disposto a rimettersi in gioco: "Onestamente pensavo di concludere nel 2022, alla scadenza naturale del mandato, però questa situazione l'ho subita e mi fa soffrire. Visto che il paese potrebbe andare in mano a queste persone che hanno creato questa situazione io farò di tutto per creare una lista che venga supportata anche dagli organi politici provinciali come Pd, altre forze di sinistra e anche il M5s. Se ci saranno questi appoggi io sarò disposto a ricandidarmi".

René Pierotti
© Riproduzione riservata

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La Regione ha predisposto un calendario che prevede, dal 12 al 15 Maggio, l'apertura graduale delle agende. Ma scarseggiano i posti per i sessantenni
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Monica Nocciolini

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca