Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 19°23° 
Domani 19°27° 
Un anno fa? Clicca qui
giovedì 22 agosto 2019

Attualità giovedì 25 dicembre 2014 ore 12:54

Betori: "Solo il lavoro riduce la povertà"

Durante l'omelia natalizia, l'Arcivescovo di Firenze ha puntato il dito contro l'economia finanziaria e il mito del "denaro che crea il denaro"



FIRENZE — "La promozione del lavoro e la salvaguardia dei lavoratori e delle prospettive di lavoro per i giovani sono elementi essenziali di una società che voglia dirsi giusta e voglia ridurre la diffusione della povertà". Sono parole chiare e decise quelle pronunciate dal cardinale Giuseppe Betori, arcivescovo di Firenze, in occasione della messa di Natale che è stata celebrata nella cattedrale di Santa Maria del Fiore.

Un'omelia in bilico tra critica economica e proposta di impegno sociale. "Quando l'accumulo del denaro - ha detto Betori - diventa fine a se stesso; anzi, quando si pensa che il denaro possa essere frutto del denaro stesso e non del produrre beni e dello scambiarli, chi ne soffre sono soprattutto quegli imprenditori e quei lavoratori che credono ancora che solo intraprendere, essere creativi e lavorare siano alla base della crescita e dello sviluppo di un popolo". 

Non solo. Il cardinale ha invitato i cittadini e la politica, compresa quella locale, rivedere le strategie di contrasto alla povertà. "I poveri - ha sottolineato Betori - non possono essere soltanto destinatari di gesti pur lodevoli e necessari di soccorso e solidarietà. Occorrono interventi organici, specialmente in tema di offerta di un tetto, ma anche di reinserimento in processi di valorizzazione delle persone e di utilità sociale". 

Insomma, la solidarietà da sola, secondo l'arcivescovo fiorentino, non basta, visto che "non incide sulle radici della piaga della povertà, sempre crescente".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Attualità