Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:40 METEO:FIRENZE10°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
martedì 25 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Quirinale, il presidente della Camera Fico legge i risultati della prima giornata di votazioni

Attualità martedì 27 ottobre 2015 ore 18:24

Commercio e turismo, dilaga l'abusivismo

La concorrenza sleale in Toscana fa perdere 1,4 miliardi l'anno. Confesercenti denuncia "le false partite iva, gli home restaurant e hotel fai da te"



FIRENZE — Nonostante la ripresa economica cominci a farsi sentire anche nei settori del commercio e turismo la crisi non è ancora finita. Al leggero aumento dei consumi si contrappone un carico fiscale pesantissimo dovuto a quelli che il presidente di Confesercenti Toscana Nico Gronchi definisce "fenomeni di concorrenza sleale e di mancata osservanza delle regole di gestione da parte dei commercianti".

I dati registrati dalla ricerca condotta da Ref Confesercenti illustrata a Firenze dal presidente Confesercenti Toscana Nico Grochi parlano di un fatturato, a livello nazionale, di oltre 21 miliardi di euro l'anno legati al fenomeno dell'abusivismo e della contraffazione di cui circa un miliardo e mezzo solo in Toscana.

A livello nazionale i settori più colpiti sono quelli della vendita al dettaglio di abbigliamento e calzature (3.200 milioni), vendita di prodotti alimentari (2.000 milioni), vendita al dettaglio di carburanti e tabacchi (oltre 5.000 milioni), commercio ambulante (oltre 2.000) e anche il settore dei fioristi (400 milioni).

A livello regionale, all'interno dei mercati giornalieri, settimanali e delle fiere l'abusivismo si aggira intorno al 5-8% con casi virtuosi, come quello di Siena, dove il fenomeno è praticamente assente. Massiccia invece la presenza di venditori abusivi nei comuni costieri: da Livorno a Grosseto con percentuali che superano il 20% che in alcuni periodi dell'anno possono arrivare anche al 50%.

"Siamo di fronte - ha sottolineato Nico Gronchi - ad un fenomeno con numeri impressionanti, in costante crescita". Stiamo parlando di una diffusione dilagante di hotel fai dai te - ha aggiunto - su seconde case o appartamenti sfitti, tour operator abusivi che operano sul web, guide turistiche irregolari".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
E' deceduto l'uomo di 61 anni che sabato scorso si è scontrato accidentalmente con il compagno della figlia mentre sciava sulle piste dell'Amiata
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Chi mette al centro la persona

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Attualità