comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:20 METEO:FIRENZE12°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
martedì 24 novembre 2020
corriere tv
Covid, Conte: «Niente vacanze sulla neve a Natale. Non possiamo permetterci una terza ondata»

Attualità giovedì 05 febbraio 2015 ore 19:00

Turismo, albergatori in rotta con la Regione

Le associazioni di categoria: "Il nuovo testo unico favorisce l'abusivismo". L'assessore Nocentini: "Siamo pronti a discutere sui requisiti"



FIRENZE — Le modifiche al Testo unico vigente sono state messe a punto dall'assessorato al turismo della Regione e riassunte in una proposta di legge appena licenziata dalla giunta e inviata al consiglio per l'esame e il via libera definitivo.

Ma le associazioni di categoria degli albergatori (Federalberghi, Confcommercio, Asshotel Confesercenti, commissione turismo di Confindustria e Alleanza della cooperative) sono già scese in campo contro le nuove regole che, a loro avviso, soprattutto nelle disposizioni che riguardano le strutture extra-alberghiere "sono un favore all'abusivismo e mettono a rischio l'occupazione dell'intero settore". Di qui l'appello al presidente della Regione Rossi affinchè il testo venga ritirato o modificato in sede di commissione consiliare.

Dal canto suo l'assessore regionale al turismo Sara Nocentini nega che il nuovo testo unico favorisca la concorrenza sleale. "Possiamo  confrontarci sui requisiti per esercitare le attività al di fuori degli alberghi - ha detto l'assessore - ma la lotta contro il sommerso e l'abusivismo è anche nostra". 

Vedi qui sotto la replica in video all'assessore regionale Sara Nocentini agli albergatori

Fra i punti più contestati dalle associazioni di categoria c'è  "la possibilità per gli affittacamere non professionali di procedere con un'attività non regolamentata".

"Lo shadow sleeping, ovvero l'abusivismo turistico dei posti letto ha raggiunto in Toscana picchi che, sulla costa, superano il 50 per cento - spiega la presidente di Asshotel Toscana Anna Duranti - Questa legge non ci tutela da questo. I Comuni aumentano la tassa di soggiorno ma non vedono quanti turisti soggiornano nelle nostre città usando alloggi non regolamentati, che non pagano tasse, che non applicano il contratto di lavoro, che non tutalno la qualità dell'ospitalità".

"Siamo di fronte un  brutto restyling della legge precedente - commenta il direttore generale di Confcommercio Franco Marinoni - che incentiverà l'abusivismo legittimando improvvisazione e dilettantismo. Un'occasione persa per la Regione".

Qualora non ricevano risposte dalla Regione, associazioni di categoria e imprenditori sono pronti alla mobilitazione.

Sara Nocentini - dichiarazione


Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Imprese & Professioni