comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:20 METEO:FIRENZE12°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
martedì 24 novembre 2020
corriere tv
Covid, Conte: «Niente vacanze sulla neve a Natale. Non possiamo permetterci una terza ondata»

Cronaca giovedì 01 ottobre 2015 ore 19:05

Anas, così si pagavano le mazzette

Nuovi dettagli dell'inchiesta Strade d'oro che ha portato ai domiciliari 3 dirigenti di Anas Toscana e l'imprenditore Francesco Mele per corruzione



FIRENZE — I tre dirigenti coinvolti nell'indagine di polizia stradale e guardia forestale e coordinata dalla procura sono il capo di compartimento Antonio Mazzeo, il capo servizio amministrativo Roberto Troccoli e un funzionario, Nicola Cenci.

Nell'ordinanza di custodia cautelare, riferisce l'agenzia Ansa, vengono citate le modalità di consegna del denaro per le tangenti, equivalenti al 5 per cento dell'importo degli appalti che poi venivano assegnati a Mele spesso sfruttando le procedure delle somma urgenza.

In un'occasione particolare, il 10 giugno 2014, è stata intercettata una conversazione fra Mele e la sorella che aveva portato con sé 13mila euro. 

"Me li devi separare - dice Mele alla sorella - Cinque, cinque e la differenza è mia". 

Poco dopo, si legge nell'ordinanza, Mele prenota un tavolo in un ristorante per una cena avvenuta il giorno dopo "a cui avrebbero partecipato, oltre a Francesco Mele, anche Antonio Mazzeo e Roberto Troccoli".

Il 16 aprile, Mele e Cenci vengono intercettati mentre parlano in auto. Cenci, riferisce ancora l'Ansa, chiede a Mele: "Hai portato i soldi". A sua volta l'imprenditore chiede: "Quanti ne vuoi?". Il funzionario risponde: "Non lo so, fai tu". "Faccio io?"  dice Mele. "No, al tuo buon cuore, voglio dire" conclude Cenci. 



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Imprese & Professioni