Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:20 METEO:FIRENZE7°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
lunedì 06 febbraio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Audio - Dentro la macchina di Messina Denaro con la foto scattata da lui: «Sono fermo per sta commemorazione della m...»

Attualità martedì 15 novembre 2022 ore 16:49

Mini-eroi della vita, 241 i bimbi nati prematuri

Il dato della Asl relativo al 2021. Nella giornata a loro dedicata il San Donato s'illumina di viola. Tema di quest'anno "l'abbraccio dei genitori"



AREZZO — Ormai è un appuntamento fisso. Ogni anno il 17 novembre tutto il mondo s’illumina di viola, il colore della battaglia per la vita che portano avanti tutti i bimbi nati prematuri. In quella data, infatti, si svolge la Giornata mondiale della prematurità ed anche l’ospedale San Donato sarà illuminato di viola, mentre il Comitato Aretino di Neonatologia donerà ai bambini piccoli capi di abbigliamento, donati dall’associazione Cuore di Maglia. Il tema del 2022 sarà “l’abbraccio dei genitori”.

Nel 2021, nelle strutture dell’Asl Toscana sud est sono nati 241 prematuri (circa il 6% del totale), cioè bambini che vengono al mondo prima della 37a settimana di età gestazionale. Per i casi più difficili, la collaborazione tra l’Asl e l’Aous permette il ricovero nella terapia intensiva neonatale delle Scotte, centro di riferimento dell’Area vasta sudest. Fragili e bisognosi di cure, i prematuri sono dei piccoli eroi con grande voglia di vivere. Per sostenerli e celebrarli, la società italiana di neonatologia e le associazioni vicine ai reparti di neonatologia hanno inviato la richiesta congiunta ai Comuni italiani affinché illuminino monumenti e piazze di viola.

Tutte le iniziative messe in campo hanno l’obiettivo di portare a conoscenza, sensibilizzare e informare sulla prevenzione del parto pretermine, sulla nascita prematura e sul percorso di crescita dei bambini che alla nascita sono ricoverati in un reparto di cure intensive.

“I neonati gravi prematuri sono in lieve riduzione, perlomeno nella nostra azienda, - dice la responsabile della Rete neonatale dell’Asl Toscana sud est Letizia Magi. - Sono invece in sensibile aumento i neonati “late preterm” ovvero nati con età gestazionale tra 34+0 e 36+6 settimane che spesso hanno necessità di assistenza intensiva nei primi giorni di vita. Ci sono però altre categorie di pazienti che meritano la nostra attenzione, ovvero quella dei neonati ex pretermine che portano con sé conseguenze della prematurità e quella dei neonati e lattanti con patologia cronica che richiedono una presa in carico multidisciplinare. È necessaria una seria riflessione per creare percorsi e servizi per questi bambini e per le loro famiglie perché non debbano mai sentirsi soli nell’affrontare il ritorno a casa”.

“L'abbraccio di un genitore: una terapia potente - questo il tema di quest’anno! – dichiara Flavio Civitelli, direttore del dipartimento Materno infantile della Asl. – Sostenere il contatto pelle a pelle fin dal momento della nascita è la sfida delle patologia neonatale della’Asl Toscana sud est. Dal contatto pelle-a-pelle, al rooming-in, i neonati prematuri hanno bisogno di stare con mamma e papà, per gli innumerevoli benefici che comporta questa vicinanza, un fattore di salute neonatale sempre più affermato”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il violento impatto ha coinvolto un'auto e un furgoncino. Due tra i feriti sono in condizioni più serie. Altri incidenti a Sinalunga e a Lucca
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Cronaca