Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 14°17° 
Domani 12°17° 
Un anno fa? Clicca qui
sabato 19 ottobre 2019

Attualità martedì 10 giugno 2014 ore 11:17

Carne bovina infetta, sequestri e perquisizioni

Nell'ambito di un'inchiesta della Procura di Perugia condotta nel nord e nel centro Italia, Nas in azione nelle province di Pistoia, Arezzo e Siena



ROMA — L'inchiesta, denominata 'Lio', riguarda l'illecita commercializzazione di carne infetta proveniente da bovini con marchi auricolari contraffatti e falsamente dichiarati di razza pregiata

Oltre che in Toscana, i Nas hanno eseguito 78 decreti di perquisizione e sequestro anche nelle province di Avellino, Viterbo, Foggia, Verona, l'Aquila, Tonino, Latina, Terni, Lodi, Roma, Matera, Rieti, Ravenna, Padova, Potenza, Pesaro e Perugia.

Secondo i dati di Coldiretti, dall'inizio della crisi è piu' che raddoppiato il valore dei sequestri di carne adulterata o accompagnata dal documentazione contraffatta o falsificata, toccando quota 112 milioni di euro e con il coinvolgimento di 1649 persone . 

''Con la crisi sono aumentati i rischi di frodi e di sofisticazioni - spiega Coldiretti - Va detto pero' che in Italia possiamo contare su un efficace sistema di controllo della carne che ci ha consentito di conquistare primati in Europa e nel mondo in termini di sicurezza alimentare''.

Coldiretti sottolinea anche che l'allevamento italiano ha un valore superiore ai 17 miliardi di euro e rappresenta il 35% di quello della produzione agricola complessiva. I bovini di razze pregiate doc, dal 2000 ad oggi, sono aumentati del 37% grazie al lavoro degli allevatori italiani.



Tag

Meloni a Roma: «Cinquestelle stretti in auto blu come sardine in salamoia»

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità