Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:FIRENZE19°25°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
giovedì 05 agosto 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Valentino Rossi annuncia: «Mi ritirerò a fine stagione»

Cronaca mercoledì 21 luglio 2021 ore 19:35

I lucernari da cambiare e poi la caduta mortale dal tetto

foto di repertorio

Un operaio è morto dopo il volo di 15 metri. Stava lavorando in un capannone in ristrutturazione. Massa e Carrara in lutto, oèerai in sciopero



CARRARA — Stava lavorando sul tetto di un capannone di una azienda di macchinari per la lavorazione del marmo quando è scivolato ed è caduto giù da un'altezza di 15 metri. 

E' morto così Daniele Rebecchi, l'operaio massese di 54 anni titolare di una piccola ditta edile che questa mattina insieme ad un collega stava installando alcuni lucernari di plexiglass nel cantiere di un'azienda in ristrutturazione ad Avenza, nel Comune di Carrara.

L'uomo rimasto vittima dell'incidente mortale è deceduto sul colpo. A nulla è valso l'intervento dei soccorritori che avevano attivato anche l'elicottero Pegaso 3.

Le forze dell'ordine arrivate sul posto stanno indagando per capire con esattezza la dinamica del terribile incidente sul lavoro.

Il sindaco di Carrara Francesco De Pasquale ha indetto una giornata di lutto cittadino annullando anche la cerimonia per la Bandiera Blu che si sarebbe dovuta tenere nella mattinata. Il sindaco si è recato sul luogo della tragedia.

"A nome dell’amministrazione e della città tutta, le più sentite condoglianze alla famiglia, agli amici e ai colleghi della vittima", è il messaggio del sindaco lanciato anche attraverso i social.

Dopo il Comune di Carrara che per l'intera giornata odierna ha proclamato il lutto cittadino, anche il Comune di Massa si unisce al cordoglio. Il sindaco Francesco Persiani annuncia la proclamazione a sua volta del lutto cittadino in occasione dei funerali della vittima del lavoro.

Dal fronte istituzionale arriva l'espressione di cordoglio da parte del presidente della regione Toscana Eugenio Giani che dichiara: "Un altro morto di lavoro e un’altra tragedia nell’edilizia, l’ennesima. La Toscana abbraccia i familiari dell’operai morto e ancora una volta siamo a richiamare l’importanza del rispetto delle norme di sicurezza a tutela del lavoro”.

Messaggi anche da parte del presidente del Consiglio regionale della Toscana Antonio Mazzeo. L'onorevole Martina Nardi, presidente della commissione attività produttive della Camera, afferma: "Questa è una vera emergenza, non è fatalità. Basta morti, serve più sicurezza".

I sindacati Cgil, Cisl e Uil unitamente hanno proclamato per domani uno sciopero generale di 2 ore in tutto il territorio provinciale dopo la morte di Daniele Rebecchi mentre alle 12 hanno previsto un’iniziativa in sala di rappresentanza in Provincia.

Nei primi 5 mesi dell'anno sono 14 le persone morte sul lavoro in Toscana. Una lista nera, terribile e dolorosissima, che purtroppo continua ad allungarsi.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Si indaga per omicidio. Chi era la vittima. Sono stati i familiari a trovare il cadavere riverso a terra nella sua abitazione
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Riccardo Ferrucci

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca