Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:20 METEO:FIRENZE13°26°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
lunedì 10 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Infrastrutture in Italia, perché non bastano 20 anni per fare un'autostrada

Attualità domenica 01 novembre 2020 ore 10:34

Una casentinese tra l'Elite dei cuochi del futuro

Sofia Giuntini

Sofia Giuntini ha ottenuto il miglior punteggio nel corso organizzato dalla Fondazione Gualtiero Marchesi e adesso fa pratica in un ristorante top



AREZZO — Arezzo terra di prelibatezze e di chef. E' una casentinese di Pratovecchio-Stia la miglior allieva della prima parte del corso "I cuochi del futuro" organizzata tra gli altri dalla Fondazione Gualtiero Marchesi. 

Sofia Giuntini di Pratovecchia-Stia ha ottenuto la miglior valutazione (95/100) ed ha ricevuto una borsa di studio del valore di 3mila euro messa a disposizione da Fipe, Federazione Italiana Pubblici Esercizi, che da sempre sostiene le attività promosse da Fondazione Gualtiero Marchesi.

"I cuochi del futuro" è un vero e proprio percorso di studio e approfondimento, della durata di 7 mesi, che analizza tutto il ciclo del prodotto fino al modo di preparalo e servirlo.

A questo corso, in formula college a Palazzo Boccella a San Gennaro nel Comune di Capannori, sono stati ammessi 9 partecipanti (5 ragazzi e 4 ragazze) ed il requisito era quello di aver ottenuto una valutazione alla maturità superiore a 80/100 e la loro media è stata di 97/100.

La prima parte del corso si è svolto in modalità “full-immersion” alternando attività pratica in cucina (con cuochi marchesiani quali Karsten Heidsiek e Antonio Ghilardi) a lezioni di analisi sensoriale (tenute Odello del Centro Studi Assaggiatori), nutrizione e alimentazione (professoressa Venturi dell’Università di Pisa), conoscenza dei prodotti ittici (Tepedino di Bologna), storia della cucina (professor Capatti, Presidente Fondazione Gualtiero Marchesi), degustazione olio e vino (docenti AIS), coltivazione e allevamento (Triarico, Presidente Associazione Agricoltura Biodinamica) e management della ristorazioner (Enrico Dandolo, Ceo Gruppo Gualtiero Marchesi). Le lezioni hanno previsto anche materie quali HACCP e Sicurezza sul lavoro nonché competenze trasversali, realizzate a cura di Job Farm.
Alla consegna dei diplomi erano presenti il sindaco di Capannori, il Presidente della Fondazione CR di Lucca, il Presidente della Fondazione Palazzo Boccella e la vicepresidente della Fondazione Gualtiero Marchesi Simona Marchesi.

I ragazzi sono ora pronti a iniziare la parte pratica di stage nei seguenti ristoranti:
La Pergola di Roma; Piazza Duomo di Alba; Cracco di Milano; La Peca di Lonigo; El Molese di Cavalese; Dal Pescatore Santini di Canneto sull’Oglio; Paolo Teverini di Bagno di Romagna; Senso – Alfio Ghezzi di Rovereto; Dolce Stil Novo di Venaria Reale.

Una seconda borsa di studio di pari valore, sempre da parte di Fipe, sarà consegnata a fine corso al cuoco che avrà ottenuto il miglior punteggio nell’esame finale che verrà svolto a Milano nella sede di via Bonvesin de la Riva.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità