Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:30 METEO:FIRENZE10°14°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
sabato 02 marzo 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Il treno della Circumvesuviana investe un frigorifero sui binari

Cronaca venerdì 15 settembre 2023 ore 19:10

Giustiziato in strada, 5 arresti per omicidio premeditato

carabiniere

La sparatoria avvenne in strada in una calda serata d'Agosto al culmine di un agguato da parte di un commando in auto. Gli arresti anche all'estero



CASTELNUOVO VAL DI CECINA — Ci sono 5 arresti per omicidio premeditato in concorso per l'uccisione di un 36enne con una sparatoria in strada a Sasso Pisano, a Castelnuovo Val di Cecina. Era la calda serata del 18 Agosto 2022 quando un commando in auto avvicinò la vettura su cui la vittima viaggiava con un'altra persona spianando le armi da fuoco con esito mortale.

Stamani gli arresti, eseguiti dai carabinieri di Pisa fra l'Italia (Castelnuovo Val di Cecina, Napoli, Casoria, Pescara) e l'Albania. Le ordinanze sono di custodia cautelare in carcere, e l'ipotesi di reato è di omicidio premeditato in concorso, ma i 5 dovranno rispondere anche di porto abusivo di armi e contraffazione di targhe.

L'operazione, denominata Kanun, ha visto la collaborazione dei comandi territoriali di Abruzzo e Campania, della polizia albanese e dei funzionari di Eurojust. Nel corso delle indagini, coordinate dalla procura di Pisa, è emerso che l'azione avrebbe avuto radici nella volontà di vendetta di uno degli indagati per la morte del fratello. Il 36enne sarebbe stato giustiziato secondo il rito del codice consuetudinario albanese chiamato appunto Kanun. Una quindicina i colpi di pistola esplosi contro di lui.

L'uomo avrebbe così ingaggiato in Campania il commando dei killer affidando loro l'omicidio con le modalità di un'autentica esecuzione in strada. La vittima, con pendenze per sfruttamento della prostituzione, fu attirata in quel luogo con una trappola grazie a un basista. Dopo gli spari il conducente della vettura che trasportava il 36enne cercò aiuto in un circolo vicino, ma ogni tentativo di soccorso risultò vano.

Determinanti per incastrare i 5 si sono rivelate le immagini riprese dagli impianti di videosorveglianza e le intercettazioni. Si è potuto così ricostruire il movente dell'omicidio oltre a la sua dinamica.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno