Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 21:55 METEO:FIRENZE10°21°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
giovedì 28 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Casellati contro Santangelo (M5S): «Lei è un grande maleducato, io l'ammonisco

Cronaca giovedì 17 novembre 2016 ore 15:35

Cede la figlia neonata, le analisi la smascherano

Una rom ha partorito in ospedale presentando documenti intestati alla donna a cui intendeva cedere la piccola. Ma i gruppi sanguigni non tornavano



SAN GIOVANNI VALDARNO — I carabinieri non hanno ancora appurato se ci sia uno scambio di denaro al centro della vicenda. E' comunque certo che la giovane rom incinta aveva preso accordi con una coppia di coniugi romeni per cedere a questi ultimi la figlia appena nata.

In pratica, nell'agosto scorso, la ragazza rom, a doglie iniziate, si è presentata all'ospedale della Gruccia facendosi registrare con i documenti intestati alla donna romena a cui aveva deciso di cedere la bambina. Ma il personale del reparto di maternità della Gruccia ha presto notato alcune anomalie: ad esempio il gruppo sanguigno dell'uomo che ha registrato la nascita della piccola, marito della romena, era incompatibile con quello della neonata.

Il caso è stato segnalato dalla direzione sanitaria e quest'ultima ha fatto altrettanto con la polizia che ha presto convocato marito e moglie in commissariato. Sono cominciati gli interrogatori e l'esame dei documenti e proprio visionando il documento di identità della romena gli agenti si sono resi conto che la foto era stata probabilmente staccata di recente e riattaccata. Ulteriori controlli hanno permesso di verificare che proprio quel documento era stato utilizzato da una giovane rom incinta per farsi ricoverare in ospedale e partorire la bambina.

Dopo l'intervento della polizia, la piccola è stata affidata ai servizi sociali del Comune di Montevarchi e poi a una famiglia che non vive in Toscana. Il romeno cheha registrato la neonata come sua figlia è stato invece denunciato per alterazione di stato.

In corso altre indagini per mettere a fuoco se ci sia stato un 'compenso' per la rom e se la vicenda possa essere inquadrata in un'organizzazione internazionale. Dai primi riscontri sembrerebbe di no.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il ragazzo e la ragazza erano appartati in auto nella zona delle Cascine. L'aggressore ha 25 anni ed è accusato di tentato omicidio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Attualità