Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:25 METEO:FIRENZE23°37°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
mercoledì 24 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Roma, il video dell'aggressione all'avvocato che chiedeva di mettere il guinzaglio al cane
Roma, il video dell'aggressione all'avvocato che chiedeva di mettere il guinzaglio al cane

Politica mercoledì 30 luglio 2014 ore 16:33

Città metropolitana, indetti i comizi elettorali

Il 28 settembre verrà eletto il consiglio. Potranno votare ed essere eletti i sindaci e i consiglieri comunali dell'area metropolitana fiorentina



FIRENZE — Firenze sarà sede di una città metropolitana insieme ad altre otto città: Torino, Milano, Venezia, Genova, Bologna, Bari, Napoli e Reggio Calabria, cui si aggiunge la città metropolitana di Roma capitale.

L’incarico di sindaco metropolitano, di consigliere metropolitano e di componente della conferenza metropolitana sarà svolto a titolo gratuito.

Il seggio per le elezioni del 28 settembre sarà predisposto nei locali della Provincia di Firenze, dov'è istituito anche l'ufficio elettorale.

E' stato il sindaco di Firenze, Dario Nardella, a fissare la data delle elezioni in quanto sindaco del Comune capoluogo, così come previsto dalla legge n.56 del 2014.

Il territorio della città metropolitana di Firenze coincide con quello della sua provincia. E anche dal punto di vista delle funzioni, quelle che saranno svolte dagli organi della città metropolitana saranno le stesse che fino ad ora erano adempiute dalla Provincia di Firenze: piano strategico del territorio, pianificazione territoriale generale, organizzazione dei servizi pubblici di interesse generale metropolitano, mobilità e viabilità, promozione e coordinamento dello sviluppo economico e sociale, sistemi di informatizzazione e di digitalizzazione in ambito metropolitano.

Se funzioni e territorio sono le stesse, cambiano radicalmente le modalità di elezione degli organi istituzionali. 

Il sindaco della città metropolitana sarà infatti quello del Comune capoluogo, nel caso di Firenze il sindaco Nardella. Il consiglio, viste le modalità sopra descritte di elezione dei suoi rappresentanti, sarà quindi un organo elettivo di secondo grado ed avrà funzioni di indirizzo e controllo, dovrà proporre lo statuto che verrà poi adottato dalla conferenza metropolitana e avrà il compito di votare il bilancio dell'ente. La conferenza metropolitana sarà invece composta dai sindaci ed è l'organo che dovrà adottare lo statuto, avrà potere consultivo sui bilanci e altri poteri se eventualmente attribuiti dallo statuto.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno