Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:FIRENZE19°34°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
giovedì 30 giugno 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Draghi: «Mai chiesta a Grillo la rimozione di Conte»

Attualità lunedì 10 novembre 2014 ore 14:20

Dalla Regione i primi soldi agli alluvionati

Servizio di Francesco Sangermano

La giunta ha stanziato 5 milioni: le famiglie con Isee inferiore a 36mila euro potranno averne 5000 per i beni perduti e la riparazione dei danni



FIRENZE — E' un primo aiuto vero e concreto. I primi soldi su cui, effettivamente, diverse famiglie alluvionate (tra quelle di Carrara e quelle di Albinia e in Maremma) potranno contare per riacquistare qualcosa di quello che hanno perduto.

La giunta regionale ha infatti approvato questa mattina lo stanziamento di 5 milioni di euro finalizzati a dare un contributo a chi ha subito danni dalle recenti alluvioni della Maremma o di Carrara. 

Il requisito per potervi accedere sarà un reddito Isee inferiore ai 36mila euro ("Una soglia che riguarda l'80-85% delle famiglie toscane" ha assicurato il presidente della Regione Enrico Rossi) e il contributo massimo erogabile sarà pari a 5mila euro a famiglia da poter utilizzare per ricomprare qualsiasi cosa (dalla cucina all'auto, da strumenti di lavoro a mobilio per la casa) sia stato danneggiato dall'acqua.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Dichiarazione di Enrico Rossi
Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sono decine le richieste di intervento per i danni del maltempo provocati nella notte. Agricoltura alle prese con ortaggi e frutta devastati
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Monitor Consiglio

Attualità

Attualità