Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:29 METEO:FIRENZE15°21°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
domenica 02 ottobre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
L'ultimo messaggio del rapper russo Walkie prima del suicidio: «Non sono pronto a uccidere»

Cronaca lunedì 04 luglio 2016 ore 16:50

Duemila crocieristi ma il museo è chiuso

Domenica pomeriggio sono sbarcati a Portoferraio quasi duemila turisti ma la villa napoleonica era chiusa. Marini: "Stiamo lavorando per co-gestirla"



PORTOFERRAIO — Una fila stupefatta di turisti davanti al cancello chiuso della villa napoleonica dei Mulini. Uno spettacolo che è andato in scena domenica pomeriggio quando un centinaio, degli oltre duemila, crocieristi sbarcati dalle tre navi attraccate alle banchine di Portoferraio hanno deciso di recarsi a visitare il monumento più famoso dell'isola, ma non hanno fatto i conti con gli orari ministeriali.

Perchè la residenza dei Mulini è aperta la domenica fino alle 13 quindi il pomeriggio, una volta arrivati fino in cima alla scalinata napoleonica, è consigliabile fare un tuffo alla vicina spiaggia delle Viste.

Come minimo è giusto parlare di enorme occasione persa: la giornata del 3 luglio è stata quella di punta per il flusso crocieristico elbano con la contemporanea presenza in porto di ben tre navi ( la Seven Seas Navigator, la Costa Neo Classica e la Star Breez), un evento che si ripeterà solo il prossimo 20 ottobre ma con numeri probabilmente inferiori. 

I musei napoleonici sono di competenza statale su pur affluiscono sotto il polo museale toscano, e il personale dipendente è ministeriale e come tale rispetta orari e aperture standard che tuttavia mal si adattano alla natura turistica dell'isola dove una domenica pomeriggio tutto è fuorchè festiva.

Alla risoluzione di tale problema sta lavorando l'amministrazione di Portoferraio che punta a costituire una co-gestione delle ville napoloniche in modo da poter integrare il personale statale con quello locale e ampliare l'orario di apertura. Una soluzione che tuttavia non potrà essere realizzata per questa stagione turistica: "Purtroppo è un percorso lungo - commenta l'assessore alla cultura Roberto Marini - che abbiamo già cominciato a fare intavolando un rapporto con la Soprintendenza in modo da coinvolgere la Regione. 

Dovrà essere individuato un soggetto che possa prendersi carico del personale necessario (la Cosimo de'Medici è una delle soluzioni sul piatto, ndr), stiamo lavorando perchè questo tipo di situazioni non si ripeta più la prossima estate. Puntiamo molto sulle crociere e sul nostro patrimonio, infatti domenica i siti museali comunali come le Grotte e la Linguella erano aperti".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un uomo di 78 anni disperso nei boschi dell'Amiata è stato ritrovato senza vita dai volontari che avevano attivato un piano di ricerche a tappeto
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Cronaca