Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:14 METEO:FIRENZE23°37°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
sabato 31 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Simona Quadarella: «Non proprio come sognavo, ma volevo una medaglia. Il mio voto? Un bel 9»

Attualità giovedì 04 marzo 2021 ore 16:10

Montecristo, recuperato il peschereccio affondato

Durante le operazioni di recupero del relitto a cura della Guardia costiera

Oggi si è svolto il recupero del peschereccio che si era incagliato ed era affondato davanti all'isola. Recupero finanziato dai privati



PORTOFERRAIO — Oggi si sono svolte le operazioni di recupero del peschereccio Bora Bora che nel Giugno 2019 si era incagliato davanti all'isola di Montecristo ed era poi affondato (vedi articolo correlato sotto).

Come si legge in una nota diffusa dal Ministero per la Transizione ecologica, a firma dell'ammiraglio Aurelio Caligiore, responsabile del Reparto Ambientale Marittimo della Guardia Costiera, le operazioni di recupero sono state possibili grazie ad una sinergica rete tra pubblico e privato che hanno permesso un delicato intervento in un'area di particolare pregio naturalistico, parte integrante del Parco nazionale Arcipelago toscano e ricompresa nel cosiddetto Santuario dei cetacei.

Durante le operazioni per liberare il fondale marino dai resti del peschereccio, era presente, su autorizzazione della Direzione generale per il mare e le coste del Ministero per la transizione ecologica, apposita unità navale della società consortile Castalia scpa della flotta ministeriale contrattualizzata per il servizio antinquinamento marino per contenere e rimuovere prontamente eventuali fuoriuscite di residui di carburante.

Dal punto di vista economico il recupero del relitto è stato possibile grazie al contributo liberale offerto da alcuni imprenditori: presidente Umberto Risso di Gruppo Agn Energia-Autogas nord spa, presidente Angelo Colussi di Colussi Group, presidente Paolo Ghinolfi Sifà, noleggio a lungo termine, amministratore delegato Andrea Rovini di Società Eurit spa, presidente Leonardo Basilichi di Società Evergreen Group, presidente Tiziano Nocentini di Nocentini Group, amministratore delegato Mario Lanera di Assoshipping Group-Ibla-Ferries srl.

"Il contributo di questi imprenditori, che ringrazio - ha spiegato l'ammiraglio Aurelio Caligiore, incaricato dal Ministerodi coordinare le operazioni - è stato fondamentale per procedere all'operazione Bora Bora poiché l'attuale quadro normativo non contempla la possibilità di interventi da parte di amministrazioni dello Stato".

"Si segnala - ha aggiunto l'ammiraglio Caligiore - come l'attività di recupero in parola costituisca pertanto un intervento pilota, realizzato per la prima volta e che ci si augura possa servire da stimolo per il legislatore da un lato a voler provvedere ad innovare l'attuale quadro normativo e dall'altro lato a voler promuovere altre iniziative analoghe in cui le Istituzioni dello Stato, sostenute economicamente dall'imprenditoria, possano interagire per la soluzione di problematiche a carattere ambientale".

"Inoltre - ha spiegato l'ammiraglio Caligiore - per conseguire pienamente le finalità di tutela ambientale cui è ispirata l'attività odierna è risultato fondamentale l'impegno della società Sales spa di Campiglia Marittima e della società Piombino Industrie Marittime (Pim), senza dimenticare la partecipazione della società Servizi Tecnici Marittimi Portuali (Stmp) srl del porto di Piombino, dell'Ente Parco e delle Capitanerie di porto di Livorno, Portoferraio e Piombino che garantiranno la necessaria cornice di sicurezza durante tutte le fasi operative. Inoltre uno speciale ringraziamento va rivolto all'Autorità di Sistema portuale di Livorno, Ufficio territoriale portuale di Piombino, per il supporto fornito nella predisposizione delle complesse operazioni nell'ambito portuale".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
E’ di Francesco Pantaleo, il ragazzo di Marsala scomparso a Pisa, il cadavere carbonizzato trovato sul ciglio di un fossato ad Orzignano nel Pisano
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Spettacoli

Cronaca

CORONAVIRUS

Attualità