Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:30 METEO:FIRENZE22°37°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
giovedì 18 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Il ricordo del Barcelona Guayaquil per Justin Cornejo: «Ora la nostra famiglia è incompleta»
Il ricordo del Barcelona Guayaquil per Justin Cornejo: «Ora la nostra famiglia è incompleta»

Cronaca lunedì 15 aprile 2024 ore 18:20

Fuori internet point, dentro bisca clandestina

La guardia di finanza ha sequestrato l'attività
La guardia di finanza ha sequestrato l'attività

A individuare i locali di gioco è stata la guardia di finanza che ha sequestrato l'attività denunciando sia il titolare che un giocatore



EMPOLESE — Fuori un internet point regolarmente in attività, all'interno invece una bisca clandestina individuata dalla guardia di finanza che ha sequestrato i locali denunciando sia il titolare che un giocatore sorpreso all'interno, entrambi di nazionalità cinese.

Le Fiamme Gialle hanno condotto l'indagine tramte appostamenti, sopralluoghi e pedinamenti, monitorando il viavai che proprio non pareva quello di un internet point. E poi c'era la pubblicità sui social, con una sponsorizzazione sui giochi condivisa in lingua cinese, tra Roulette e Baccarat. Per non dire della videosorveglianza esterna, del campanello e dei vetri oscurati.

Il locale veniva frequentato specie di sera e durante la notte. I clienti, prevalentemente di origine sinica anche loro, rimanevano all'interno per diverso tempo.

Insomma molti gli elementi di sospetto per i finanzieri che alla fine hanno fatto il loro ingresso nell'attività trovando fondamento alle loro ipotesi: l’ambiente era infatti organizzato su due ingressi, uno visibile dall’esterno e un secondo immediatamente successivo costituito da un'inferriata in funzione di filtraggio e di ostacolo a eventuali controlli. 

I militari hanno trovato all’interno un giocatore alle prese con le slot machine e 9 postazioni da gioco complete di pc, monitor e poltrone, nonché di un server utilizzato per permettere ai clientil’accesso abusivo a siti non rientranti tra quelli monitorati dai monopoli di Stato, il che consentiva agli organizzatori di non versare imposte. 

La bisca contava su una reception con funzione di cassa all'ingresso, dotata di un tablet e al cui interno c'erano 6mila euro circa: il gestore ricaricava le singole postazioni, già munite di username e password preimpostate, che permettevano la connessione alla piattaforma di gioco online con interfaccia utente all’avanguardia. 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'orrore si è consumato nella notte: lui l'ha avvicinata con gentilezza, poi l'ha afferrata per il collo e minacciata costringendola ad appartarsi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Cronaca