comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:20 METEO:FIRENZE12°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
martedì 24 novembre 2020
corriere tv
Covid, Conte: «Niente vacanze sulla neve a Natale. Non possiamo permetterci una terza ondata»

Cronaca venerdì 30 ottobre 2020 ore 12:02

Lascia il compagno e inizia un inferno

Minacce, danneggiamenti e persecuzioni interminabili, finché non sono intervenuti i carabinieri. Adesso l'uomo, di 52 anni, è stato arrestato



CASTELFIORENTINO — Questa mattina i carabinieri della Stazione di Castelfiorentino hanno arrestato e condotto in carcere un 52enne, ponendo così fine a una lunga scia di atti persecutori, minacce e danneggiamenti ai danni della ex compagna. L'arresto in carcere è stato disposto come misura cautelare dal Gip del Tribunale di Firenze, la dottoressa Angela Fantechi.

L’uomo, sospettato di plurimi danneggiamenti ed atti intimidatori nei confronti della donna, che aveva deciso di interrompere la relazione di convivenza con lui, era da tempo tenuto d'occhio dai carabinieri. Secondo quanto ricostruito il 52enne, non rassegnatosi per la fine della relazione, avrebbe tempestato la ex di telefonate a tutte le ore del giorno e della notte, a citofonarle a qualsiasi ora e, infine, sarebbe passato a vere e proprie offese e minacce, arrivando a danneggiarle l'auto a dar fuoco alla tenda parasole della porta d'ingresso della sua abitazione.

Non contento, avrebbe minacciato anche il nuovo compagno della donna e danneggiato anche la sua auto. Accertati anche due episodi di aggressione fisica ai danni della donna.

"Le conseguenti serrate indagini - hanno spiegato i carabinieri -, attraverso immagini estrapolate dai sistemi di videosorveglianza, testimonianze, sopralluoghi e rilievi eseguiti in occasione dei danneggiamenti, hanno consentito agli inquirenti di ricostruire dettagliatamente tutti gli episodi che, corroborati da gravità indiziarie condivise con la Procura della Repubblica di Firenze, hanno permesso alla dr.ssa Benedetta Foti, Sostituto Procuratore della Procura della Repubblica di Firenze di formulare, per tutelare la donna, la richiesta al Giudice di emissione di una misura cautelare in carcere per il 52enne, stante l’attualità della sua pericolosità, anche per la recidività delle sue azioni e per la particolare situazione della vittima, che a seguito dei numerosi episodi riscontrati in suo danno è piombata in un perdurante e grave stato di ansia e paura, avendo fondato timore per la propria incolumità tanto che è stata costretta a modificare molte delle sue abitudini di vita".

Il 52enne, dopo l’arresto, è stato associato alla Casa Circondariale di Firenze “Sollicciano”.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Imprese & Professioni