Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 08:15 METEO:FIRENZE11°17°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
giovedì 13 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Stupro o sesso consenziente? Alcol, chat, testimonianza. Cosa dicono i giudici che i nostri figli devono sapere

Cronaca martedì 14 marzo 2017 ore 16:20

Muore sul lavoro, stava per andare in pensione

L'operaio deceduto ieri dopo essersi ribaltato con la minipala si era recentemente rivolto alla Cgil per avere informazioni sul suo pensionamento



EMPOLI — Nicolò Giuseppe Vecchio aveva 60 anni e stava per andare in pensione, invece è morto sul lavoro. E' successo ieri, nella campagna vinciana. L'operaio è deceduto  a causa di un incidente con la minipala. Il mezzo si è rovesciato, sbalzandolo a terra e per l'uomo non c'è stato niente da fare.

“Era da poco venuto da noi per informazioni su come andare in pensione - dice Stefano Pini di Fillea Cgil Firenze- siamo addolorati e vicino alla famiglia".

Oggi, poi, un altro incidente sul lavoro a Montespertoli. Un operaio di 66 anni stava lavorando su un tetto in via Adige quando la copertura ha ceduto e lui ha fatto un volo di otto metri. E' stato trasportato al pronto soccorso di Empoli in gravi condizioni.

"Servono investimenti nella prevenzione - osserva Pini- e va anticipata la pensione per gli over 60, i più colpiti dagli infortuni”.

“Nicolò era una operaio da noi conosciuto ed apprezzato; un operaio che ha iniziato a lavorare in giovanissima età, che pochi giorni fa era venuto da noi per avere informazioni sulla possibilità e i tempi di andare in pensione. Siamo profondamente addolorati, ci stringiamo attorno alla sua famiglia, di cui siamo a disposizione, e ai compagni di lavoro. La dinamica dell'infortunio subito da Nicolò non è stata ancora definita e noi riponiamo la massima fiducia sugli enti di controllo e la magistratura -  dice Pini -La situazione del settore è drammatica e inaccettabile, sia a livello nazionale che fiorentino". 

E aggiunge: “Anche a Firenze purtroppo si evidenzia l'urgenza di un investimento maggiore nella prevenzione e nei controlli dei cantieri, basta vedere che a Firenze l'incidenza degli infortuni in edilizia negli ultimi anni è mediamente peggiorata rispetto alle altre province della Toscana. Anche la questione anagrafica è un aspetto da evidenziare in quanto, secondo le nostre statistiche, un infortunio mortale su quattro è subito da un operaio over 60. Per queste ragioni la Fillea sostiene da tempo che il legislatore deve intervenire con urgenza per anticipare l'accesso alla pensione degli edili, oltre che a prevedere una normativa nuova in materia di omicidio per incidente sul lavoro”.

 “E’ insopportabile  - commenta il coordinatore della Cgil Empolese Sergio Luschi- la frequenza con cui si verificano infortuni sul lavoro che, in alcuni casi, diventano vere e proprie tragedie. Abbiamo la necessità di riportare al centro del dibattito politico il tema della sicurezza sul lavoro, di non considerarla più un optional.C'è bisogno di una legislazione stringente, è un fatto di civiltà”.

proprio sulla questione degli incidenti sul lavoro, fa sapere la Cgil, il sindacato ha chiesto un incontro con il prefetto.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La Regione ha predisposto un calendario che prevede, dal 12 al 15 Maggio, l'apertura graduale delle agende. Ma scarseggiano i posti per i sessantenni
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Monica Nocciolini

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca