Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:24 METEO:FIRENZE15°21°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
martedì 27 settembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Di Battista: «Di Maio?Mi dispiace, ma chi è causa del suo mal... Ora si prenda una laurea»

Attualità lunedì 01 dicembre 2014 ore 16:00

Fiocchi rossi al Meyer per dire no all'Aids

Moltissimi operatori dell'ospedale pediatrico hanno indossato il simbolo della lotta alla malattia. In aumento le infezioni nei bambini



FIRENZE — L'iniziativa è stata organizzata nella Giornata mondiale della lotta all'Aids per gettare una luce su una patologia ancora presente nella vita di tante donne e bambini e vi hanno aderito anche i volontari del servizio civile, gli operatori di front office e il personale della Fondazione Meyer. Le infezioni nei bambini sono in incremento.

"In particolare il tasso di trasmissione nei piccoli nati da donne immigrati hiv positive è tre volte superiore a quello delle donne italiane - spiega la responsabile del centro di rifeirmento regionale Luisa Galli - Questo perchè in Italia le donne immigrate Hiv positive hanno ancora difficoltà ad accedere al test e alle terapie retrovirali in gravidanza e hanno più raramente un buon controllo dell'infezione al parto".

Dal 1985 ad oggi sono stati quasi 10.000 i piccoli con infezione da Hiv o nati da madri Hiv positive registrati dal centro di riferimento del Meyer. 

Attualmente in Italia i bambini e gli adolescenti Hiv positivi seguiti dai medici sono 700, con un'età media di 13 anni, a cui se ne aggiungono altri 500 nati ogni anno da madri Hiv positive.

“La prevenzione, attuata tramite terapie antiretrovirali in gravidanza per evitare la trasmissione del virus da madre a figlio - spiega la professoressa Luisa Galli, responsabile del Centro di riferimento regionale del Meyer - hanno fatto sì che sempre meno bambini acquisiscano l'infezione dalla madre. Attualmente il tasso di trasmissione nel nostro centro è dell'1% rispetto al 20% dell'epoca antecedente  a queste profilassi”.

Il Centro del Meyer opera per prevenire altre infezioni trasmissibili da madre a figlio come la sifililide, la tubercolosi, l'infezione da citomegalovirus ed altre. L'attività viene svolta in regime di ricovero ordinario, di day hospital oppure in ambulatorio, assicurando servizi come assistenza psicologica, diagnosi precoce dello stato di infezione e follow-up infettivologico ed immunologico del bambino, gestione delle patologie correlate, monitoraggio immunologico, virologico, microbiologico e della resistenza ai farmaci antiretrovirali, assistenza domiciliare, supporto psicosociale. 

Attivo anche un servizio di counselling per la prevenzione e il trattamento delle infezioni a trasmissione sessuale negli adolescenti e in caso di sospetto abuso.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ecco dove sono rimasti i 'baluardi rossi' dopo le politiche 2022, con il centrodestra trainato da Fratelli d'Italia vittorioso in Italia e in Toscana
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Attualità