Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:00 METEO:FIRENZE18°35°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
martedì 16 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Siccità grave anche in Germania, i livelli del fiume Reno ai minimi storici

Attualità martedì 12 gennaio 2016 ore 15:27

Arte e moda si sposano a Pitti

Per rilanciare un settore uscito malconcio dalla seconda metà del 2015, il governo punta a creare in musei e siti archeologici le gallerie del costume



FIRENZE — A lanciare la proposta è stato il ministro della Cultura e del Turismo Dario Franceschini, arrivato a Firenze per l'inaugurazione dell'89esima edizione di Pitti Uomo, la rassegna moda maschile più importante al mondo.

"Lancio un patto tra mondo della moda e mondo della cultura - ha detto Franceschini -: voglio apertura reciproca, e, senza barriere ideologiche o snobistiche, voglio aprire tutti i luoghi della bellezza alla moda, perché questi sono due pezzi dell'identità nazionale e questo dà carta in più alla competitività della moda italiana".

"Musei e siti archeologici - ha spiegato il ministro - possono essere tra i luoghi della bellezza italiana ed interagire con il sistema della moda, valorizzando al tempo stesso i nostri beni culturali".

La linea è tracciata, ma l'ultima parola spetterà ai direttori dei singoli musei che dovranno dire se vogliono o meno trasformare i loro siti in gallerie del costume in alcuni momenti dell'anno o meno.

Ma c'è chi ha già cominciato a pensare a questa possibilità. "Nel nuovo Consiglio d'amministrazione degli Uffizi - ha detto Franceschini - si sta discutendo una collaborazione tra Pitti immagine e le gallerie degli Uffizi per una mostra annuale ed un investimento sul museo del Costume, affinché diventi galleria di moda e costume".v

"L'accordo - ha spiegato poi il direttore degli Uffizi Heike Schmidt - riguarda la valorizzazione del museo: non si parla di sfilate. Quanto ai dettagli dell'intesa li annunceremo quando sarà pronta la prima mostra".

"Per ospitarle - ha aggiunto Schmidt - bisogna tenere conto in quale spazio debbano svolgersi. Se ci fossero affreschi andrebbero prese le necessarie precauzioni: nelle sale degli Uffizi, come è già stato visto, la cosa non è fattibile, ma ci sono altri spazi, senza opere d'arte, che potrebbero essere presi in considerazione".

Tutto questo per risollevare un settore che dopo una partenza a razzo nel 2015, da agosto in poi ha cominciato a soffrire. "Colpa della crisi dei mercati asiatici - ha spiegato il numero uno di Pitti Immagine, Gaetano Marzotto - e della paura che si è innescata nei compratori europei a causa dell'ingigantirsi dei flussi migratori".

La strategia è dunque quella di sfruttare il boom di turisti arrivati anche lo scorso anno in Italia per offrire loro non solo me meraviglie delle città d'arte, la bellezza del paesaggio e le specialità enogastronomiche, ma anche un'esperienza di lifestyle e un tuffo nel Made in Italy.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

SERVIZIO - LA PITTI GENERATION TRA ARTE E MODA
Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La 48enne dispersa da ieri insieme al suo cane è stata individuata nel tardo pomeriggio lungo la costa. L'animale è morto
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Attualità