Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:53 METEO:FIRENZE19°29°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
mercoledì 29 giugno 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Roma, nuovo blocco del Gra. Per fermare il taxi l'attivista salta sul cofano: «Scendi o ti sfondo»

Attualità mercoledì 27 giugno 2018 ore 13:47

Gli operai Bekaert chiedono un futuro

In Consiglio regionale una delegazione di lavoratori dell'azienda di Figline che ha annunciato la volontà di chiudere la fabbrica. Rischiano in 318



FIRENZE — Hanno esposto la loro situazione nell'aula del Consiglio regionale e hanno risposto alle domande dei consiglieri esprimendo la propria angoscia per un futuro, a breve termine, che non si annuncia roseo. I vertici di Bekaert, azienda che produce rinforzi in acciaio per pneumatici acquisita dal gruppo belga Pirelli nel 2014, rischia di chiudere i battenti nell'arco di 75 giorni. 

A parlare sono stati Iuri Campofiloni della Fiom Cgil di Firenze, Filippo Pesci della Rsu e Daniele Calosi, segretario generale Fiom Cgil Firenze, su invito del presidente del Consiglio regionale Eugenio Giani. Il Consiglio ha annunciato una mozione unitaria che riassuma tutti i documenti presentati nelle ultime ore a sostegno dei lavoratori. A rischio ci sono 318 posti e un altro centinaio nelle aziende dell'indotto. 

“Ho invitato i lavoratori a parlare nella prima seduta di aula disponibile – ha spiegato Giani – dopo essermi recato al loro presidio davanti allo stabilimento. L’obiettivo è quello di fornire loro una platea più ampia possibile, esprimere la nostra assoluta solidarietà, prendere posizione in uno spirito di massima compattezza, e senza strumentalizzazioni politiche, davanti a un gesto senza precedenti”.

“Per come è stato perpetrato, è un atto di violenza inaudito – ha detto poi Iuri Campofiloni - Venerdì i dirigenti si sono presentati scortati dal servizio di vigilanza personale, hanno comunicato la decisione di cessare la produzione in 75 giorni e se ne sono andati. Nel frattempo, con i dipendenti al lavoro, le lettere che annunciavano la chiusura sono state spedite alle famiglie, aperte da mogli, genitori e figli, che sono accorsi in lacrime ai cancelli dello stabilimento”. 

Intanto ieri l'azienda non si è presentata all'incontro che si è svolto al ministero del lavoro. In serata i vertici hanno fatto sapere di non avere intenzione di fare passi indietro sulla cessazione dell'attività. 

Nonostante questo i lavoratori hanno deciso di sospendere lo sciopero e di tornare al lavoro. 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'allarme per l'auto ribaltata fuori strada è scattato all'alba. Accorsi vigili del fuoco e sanitari. Per il conducente non c'è stato nulla da fare
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Ciro Vestita

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Monitor Consiglio

Attualità

Attualità

Monitor Consiglio